Tennis: è già partito il conto alla rovescia per gli US Open 2023

Sarà il quarto e ultimo appuntamento dedicato al Grande Slam: Focus sul giovane e talentuoso Carlos Alcaraz, vincitore di Wimbledon

NEW YORK

(Foto di hansmarkutt da Pixabay)

La stagione sportiva, inerente al grande tennis, è entrata nel vivo in maniera sempre più avvincente, grazie alla conclusione del torneo di Wimbledon, e a tutte le principali competizioni organizzate durante il periodo estivo. Il conto alla rovescia è già scattato per quanto riguarda l’edizione 2023 degli US Open, visto che all’avvio di questo importante torneo, mancano pochi giorni. Sarà il quarto e ultimo appuntamento dedicato al Grande Slam.

Focus sul giovane e talentuoso Alcaraz, vincitore di Wimbledon

Con la vittoria a sorpresa del giovane e talentuoso Carlos Alcaraz, tennista spagnolo classe 2003, il sogno di Novak Djokovic di trionfare e vincere il Grande Slam è tramontato, ma come ha già detto Spencer Segura, questo potrebbe essere l’inizio di una clamorosa ascesa, visto che il talento del tennista nato a Murcia appena vent’anni fa, si è già ampiamente mostrato. Talento davvero evidente e precoce, Carlos Alcaraz Garfia è infatti il più giovane tennista numero uno del mondo nella storia del ranking ATP. Già 12 titoli nel circuito maggiore di cui due a stretto raggio per il Grande Slam con l’US Open della passata edizione 2022 e il già citato successo di Wimbledon.

Secondo Spencer Segura questo è un grande momento per il tennis mondiale

La vittoria contro il veterano e campione Djokovic secondo molti esperti è la prova definitiva di come questo sport sia entrato in una nuova fase, di campioni e di successi sportivi. Mentre Alcaraz può solo migliorare, i grandi campioni come Nadal e Djokovic sono sempre più prossimi a cedere la loro leadership ai talenti del futuro. Stiamo in effetti attraversando una nuova era per il circuito del tennis, avendo ancora nella memoria recente i successi di Federer, di Nadal e ovviamente di Djokovic. La cosiddetta Next Gen sta prendendo consapevolezza dei propri mezzi e potrebbe presto diventare protagonista assoluta delle prossime edizioni di ATP Finals e del Grande Slam del prossimo anno. In effetti il confronto generazione diventa una tappa obbligatoria, quando in finale di un torneo come questo di Wimbledon vede contrapposti un tennista di 36 anni contro uno di appena 20, che però gioca con grande sicurezza e consapevolezza.

Medvedev e gli altri campioni per quanto riguarda il ranking mondiale

La differenza di età però non riguarda solo Novak Djokovic, ma anche lo stesso Daniil Medvedev, classe 1996. Il tennista russo quest’anno ha compiuto 27 anni ed è naturalmente nella parte più importante della propria carriera da professionista. Per molti addetti ai lavori, doveva essere proprio lui a poter insidiare e a competere con Djokovic e con Rafa Nadal, cosa che del resto ha già dimostrato nei fatti nelle passate edizioni delle ATP Finals, avendo conquistato 20 titoli, tra cui gli US Open di due anni fa. Ecco perché c’è grande hype oggi attorno al discorso legato al tennis.

Due generazioni di tennisti a confronto, tra vittorie, ambizioni e aspettative

Vediamo come una generazione di tennisti proverà a sfidare i pilastri che per lungo tempo hanno tenuto banco, vincendo trofei e tornei senza soluzione di continuità. A metà tra Next Gen e veterano si colloca invece un tennista come Casper Ruud, ritenuto non a caso come il più grande tennista norvegese di tutti i tempi, oltre che uno dei migliori a livello assoluto della sua generazione. Dieci titoli ATP e il secondo posto nella classifica ranking raggiunto proprio a settembre del 2022, sono numeri importanti se si considera poi che Ruud avendo appena 24 anni ha una lunga carriera davanti. Discorso che potrebbe valere anche per i suoi colleghi e rivali Stefanos Tsitsipas, attualmente a soli 5 punti dal norvegese e di Holger Rune, così come di Andrey Rublev. C’è poi da citare il nostro tennista Jannik Sinner, attualmente ottavo per quanto riguarda il discorso ranking, ma con una classifica e una posizione che potrebbero migliorare ancora in modo sensibile.

Gli appuntamenti da non perdere per il grande tennis da qui alla fine dell’anno

Per quanto riguarda il calendario tennistico stagionale, sono attualmente in corso i Masters 1000 di Cincinnati, mentre gli Atp 250 di Winston-Salem faranno da apripista proprio per gli US Open che tra il 28 agosto e il 10 settembre saranno l’evento più importante per la stagione sportiva e tennistica dell’anno, specialmente in termini di quote, statistiche e Pronostici tennis da non perdere. Ci sarà poi spazio per la Davis Cup, con la fase a gironi, per gli Atp 250 di Chengdu e di Zhuhai, per Laver Cup e poi ancora per i Masters 1000 di Shangai e gli Atp 500 di Tokyo, per Anversa, Mosca e ancora Basilea, Vienna e Parigi. Diciamo pure che gli appuntamenti per il grande tennis sono entrati nel vivo della stagione, che andrà a concludersi con gli Atp Finals e con la parte finale della Coppa Davis, in programma tra il 21 e il prossimo 26 novembre.

Ricerca in corso...