CLOSE X

"bluMun: i sentieri si costruiscono viaggiando"

Un progetto di Angsa Casale a favore dell’inclusione sociale delle persone con autismo

CASALE MONFERRATO

Cristina Tartara, presidente di ANGSA Casale, racconta le attività svolte nel corso delle ultime settimane nell’ambito del Progetto «bluMun. I sentieri si costruiscono viaggiando».

Il Progetto è nato pochi mesi fa in occasione del 2 aprile, Giornata mondiale sulla Consapevolezza dell’Autismo. È stato ideato dall’Educatrice Professionale Silvia Ottone e realizzato grazie alla costante collaborazione del Professor Emanuele Di Maio, della Maestra Stefania Patrucco, dei volontari della Croce Rossa Italiana (CRI) di Casale Monferrato, e alla partecipazione assidua di coloro che hanno aderito all’iniziativa.

Il gruppo è eterogeneo e le motivazioni che hanno invogliato le persone ad accogliere la proposta sono molteplici: dalla passione per l’escursionismo ad interessi professionali, al desiderio di stare in compagnia, di conoscere nuove persone e di fare amicizia, di condividere esperienze al di fuori dell’ordinario …

La naturalezza con la quale ci si può incontrare, conoscere, scoprire passioni comuni o svilupparne di nuove è lo spirito con il quale è nato il Progetto: esso si propone primariamente di offrire ai partecipanti occasioni per condividere esperienze e interessi, valorizzare le diversità e i punti di forza di ciascuno, fare gruppo. Per le Persone con autismo è un’opportunità che consente di sperimentare abilità sociali in un contesto naturale, adultizzante e di passatempo, di sviluppare rapporti amicali e di migliorare l’autonomia. Per noi genitori la transizione all’età adulta dei nostri figli è un nodo cruciale: essere adulti è complicato, lo è per tutti … per i nostri figli lo è ancora di più perché spesso l’ambiente in cui vivono – e ci siamo anche noi genitori – fa fatica a pensarli adulti, a chiedere loro di esserlo, a insegnare l’indipendenza! «bluMun. I sentieri si costruiscono viaggiando» si pone questi obiettivi, perseguibili grazie alla presenza di un’educatrice esperta. Per concludere questa riflessione (ma anche per lasciarla aperta) vorrei ‘rubare’ (come fa Silvia) alcuni versi di Danilo Dolci che invitano ciascuno ad «essere franco all'altro come a sé, / sognando gli altri come ora non sono: / ciascuno cresce solo se sognato».

Nel corso di questi primi tre mesi sono state calendarizzate dieci camminate, con cadenza settimanale e partenza da Piazza Castello, che hanno permesso di esplorare e conoscere Casale e di apprezzarne le bellezze. Le mete sono state: il Bosco della Pastrona, la Cittadella, la prima collina e il lungo Po. Qui sono state organizzate due Camminate ecologiche che hanno previsto la Pulizia dell’argine: un'azione di pubblica utilità che ha aggiunto ulteriore significato alle due giornate. La seconda camminata ecologica (prevista per il 22/06 e posticipata, a causa del maltempo) si arricchirà ulteriormente grazie alla partecipazione degli Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua (OPSA) della CRI Comitato di Casale Monferrato hanno accompagnato i ragazzi alla scoperta del mondo fluviale, con una breve lezione sull'ambiente alluvionale sulle sponde del grande fiume. Gian Franco Romano Referente del gruppo OPSA locale spiegherà ai partecipanti che "chiunque può salvare una vita, anche dando semplicemente le giuste informazioni, che soprattutto in ambiente impervio, come potrebbe essere un corso d'acqua, sono ancora più preziose per i soccorritori” e, grazie alla presenza del nucleo Telecomunicazioni (TLC) del Comitato, verranno simulate delle conversazioni radio su canale protetto, esperienza per comprendere a fondo che le radio sono strumenti fondamentali in emergenza, in quanto unico strumento in grado di garantire le comunicazioni anche nelle situazioni più difficili.

Sabato 2 luglio i partecipanti saranno impegnati nell’ultimo allenamento prima della Staffetta Blu, che si terrà il 10 luglio sul Lago Maggiore. La camminata del 2 luglio sarà particolarmente impegnativa: Casale – Coniolo – Casale, con sosta a Coniolo dove ANGSA Casale offrirà il pranzo al gruppo di bluMun presso il Ristorante Kilometro Zero. Durante la pausa i partecipanti al Progetto riceveranno magliette, zaini e cappellini bluMun realizzati da Fair Enough (Torino) grazie al contributo di Nova Coop.

Sarà questa anche l’occasione per ringraziare il Rotary Club di Casale Monferrato che ha voluto favorire l’iniziativa sostenendo le spese del pullman che ci porterà a Falmenta (VB),punto di partenza della tappa piemontese della Staffetta Blu.

Al rientro a Casale, presso l’imbarcadero, i camminatori verranno accolti dalle autorità locali e con un rinfresco, anch’esso offerto da Nova Coop.

In questi mesi sono stati fatti i ‘primi passi’ verso la costruzione del gruppo ottenendo feedback positivi sia da parte dei partecipanti che delle famiglie delle Persone con Autismo che hanno aderito. Dopo la pausa estiva, a partire da settembre, la camminate bluMun riprenderanno. Per informazioni, adesioni, proposte di collaborazione contattare Cristina Tartara: email angsacasale@gmail.com.

ANGSA Casale ringrazia Silvia Ottone, tutti coloro che hanno partecipato alle camminate e chi ha sostenuto il Progetto, in particolare: i volontari della CRI che ci hanno sempre accompagnati, Nova Coop e il Rotary Club di Casale Monferrato.

Ricerca in corso...