Lan Service: scatta il Giro Ciclistico Internazionale della Val d’Aosta

I portacolori cittadini al via della prestigiosa corsa a tappe Under23

CASALE MONFERRATO

Il Giro Ciclistico Internazionale della Val d’Aosta riservato agli Under23 è un appuntamento prestigioso per tutti i dilettanti che amano le pendenze forti e puntano ad avere un futuro tra i professionisti di questo sport: tra i vincitori del passato, ricordiamo Ivan Gotti, Gilberto Simoni, Wladimir Belli, Jaroslav Popovic, Fabio Aru, Davide Vilella e Thibaut Pinot.

Dopo un anno di pausa dovuto alla pandemia da Covid-19, l’edizione 2021 si corre dal 16 al 18 luglio e vede protagoniste 28 squadre provenienti da 19 Paesi del mondo. Tra le quattro formazioni invitate a rappresentare l’Italia, c’è anche la LAN Service-GranMonferrato-Zheroquadro, formazione casalese gestita dal team manager cittadino Gianni Pederzolli. “Possiamo affermare di essere come il prode Davide che si troverà ad affrontare non uno, bensì 27 giganti Golia – afferma Pederzolli. Siamo infatti l’unica compagine Under23 dilettantistica in competizione contro team Continental semiprofessionistici. Consci del nostro ruolo, non per questo ci daremo per vinti e promettiamo sin d’ora battaglia”.

I cinque ragazzi scelti da Pederzolli per Il Giro della Val d’Aosta sono il novarese Samuele Rubino, l’aostano Laurent Rigollet, gli alessandrini Stefano Rizza e Simone Carrò e il torinese Alessio Palma. Tra i più attesi ci sarà sicuramente Rigollet, unico corridore aostano in gara e già protagonista della fuga di otto elementi che alla 3° tappa del Giro d’Italia Under23 si sono giocati la vittoria al fotofinish (6° posto per lui). “Questo Giro rappresenta per Laurent la corsa per eccellenza”, racconta Pederzolli. “Si sta preparando scrupolosamente da un mese, dopo aver terminato il Giro d’Italia Giovani Under23, e in questo weekend lungo sarà l’idolo di casa. Pur se non tra i favoriti, ci tiene a lasciare il segno (nella foto di Roberto Rizza, è il primo da destra)”.

Rispetto alle recenti edizioni di quattro tappe è stata tolta la frazione a cronometro, per un totale quindi di tre tappe con una notevole difficoltà altimetrica: si parte venerdì 16 con un anello di 110 km e quattro GPM da Pollein a Pollein; sabato 17 invece si partirà a Valtournenche con arrivo in salita a Cervinia dopo 160 km e altri quattro GPM; domenica 18 la conclusione, con una frazione di 150 km da Fenis a Cogne, anche qui con arrivo in salita dopo quattro GPM. Non c’è che dire, gli amanti delle scalate avranno pane per i loro denti.

Ricerca in corso...