CLOSE X

Jcp: un bomber e tre nuovi ingressi nello staff

L'attacco sarà guidato da Francesco Bilardo, tanta esperienza anche nelle categorie superiori

CASALE MONFERRATO

Tre nuovi ingressi nello staff della Junior Calcio Pontestura. Se da una parte la società lavora per completare gli organici di prima squadra e juniores, dall’altra ci si prepara alla nuova stagione con gli arrivi di persone competenti, che possano contribuire alla causa giallo-rosso-blu con il proprio bagaglio di esperienza.

Salutato Simone Carachino (in bocca al lupo per la nuova avventura da primo allenatore),la JCP ha scelto Andrea Miglietta come primo collaboratore di mister Bellingeri. Nato a Casale il 2 aprile del 1972, ha allenato per sette anni nelle giovanili del Casale FBC (Esordienti, Giovanissimi, Allievi). Andrea ricoprirà l’incarico di secondo allenatore in Promozione e si occuperà della parte atletica.

Detto dell’ingresso di Sergio Merlo come General Manager, la JCP ha deciso di ingaggiare una figura di provata esperienza per poterlo affiancare nella mole di lavoro che lo aspetta. Il DS Luigi Abbate ha puntato su Alessandro Arrobbio (Casale 29-03-1972),per anni dirigente dello Stay O Party.  

“Tutto è nato qui al Bianchi – commenta Arrobbio – dove ho iniziato a giocare a calcio con la Junior e dove è sbocciata una passione che ancora oggi mi motiva e mi spinge a continuare. Sono contento di poter dare una mano e con Sergio ho un legame particolare perché ci conosciamo da tantissimi anni”.

In ultimo, ma non certo per importanza, ecco Maurizio Turra (Casale 19-02-1968). La formazione under 19 è sempre stata fondamentale per la JCP, ma quest’anno lo sarà ancora di più. Ecco perché era necessario avere nel proprio staff un dirigente esperto, capace ed affidabile. Caratteristiche riconducibili alla figura di colui che ha guidato da dirigente responsabile, l’under 18 della Turricola nell’ultimo campionato regionale. Con l’arrivo di Maurizio Turra la JCP compie un sostanziale, deciso e comprovato salto di qualità.

BILARDO FIRMA GOL

Il calciomercato estivo della JCP si infiamma con l’acquisto di Francesco Bilardo, bomber di razza, nato a Pavia il 14 febbraio del 1986. Prodotto del vivaio dell’FC Internazionale Milano, Francesco si mette in luce nella Primavera neroazzurra per poi trasferirsi al Varese (2007-08). Le tappe della sua carriera sono Sestese Calcio, ASD Castellana tra serie D e Lega Pro. Nel 2010-11 il passaggio alla Sommese in Eccellenza dove prende il via un percorso caratterizzato dalla continuità in zona-gol. Doti tecniche sopraffine, esperienza da vendere ed un fiuto del gol con pochi eguali. Il neo-acquisto giallo-rosso-blu sa far reparto da solo e sa capitalizzare le occasioni per via di un eccezionale feeling con il gol. FC Garlasco, Pro Vigevano, Lomellina Calcio, Lomello, Alagna, Varzi e Castelnovetto. Un girovagare dal 2011 al 2022 tra Eccellenza, Promozione e Prima Categoria. Il record di marcature nel 2017-18 con l’Alagna (25 reti); con il sodalizio lombardo mette a segno 49 gol in due stagioni. Centoquarantacinque volte a bersaglio nelle ultime 12 stagioni: la JCP ha il suo centravanti, un vero numero 9.

Luigi Bonino, preparatore dei portieri della Junior, ha lavorato con lui in passato: “Francesco è un bomber vero. Possiede un bagaglio tecnico notevole e sa dove si trova la porta. E’ il classico attaccante centrale, che sa far salire la squadra, anticipare gli avversari e battere le punizioni. Credo che la JCP abbia messo a segno un gran colpo di mercato”.

“Ringrazio la JCP – dichiara Bilardo – per la fiducia accordatami. Si tratta di una sfida nuova per me, perché non ho mai giocato in squadre piemontesi. Si dice che dal punto di vista tecnico in Lombardia ci sia un livello più alto, ma personalmente non lo credo. Quando ho affrontato formazioni di queste zone, sono sempre state battaglie, tecniche ed agonistiche”. Conosci qualcuno dei tuoi prossimi compagni? “Personalmente no, ma nell’amichevole dello scorso anno con il Castelnovetto ho potuto apprezzare le caratteristiche di alcuni giocatori, che mi sembrano sopra la media”.  

Quali devono essere gli obiettivi? “Come neo-promossa dobbiamo cercare la salvezza il più velocemente possibile. Dopo dovremo impegnarci  per raggiungere una posizione di classifica lusinghiera”. Che giocatore è Francesco Bilardo? “Sono un classico numero nove. L’area di rigore è casa mia e se con la squadra si raggiungerà una buona intesa, potrei diventare un punto di riferimento per la finalizzazione delle azioni offensive. Credo che tutto ciò si possa ottenere con il sacrificio e con la voglia di collaborare, uniti per un unico obiettivo”.

Francesco si è voluto informare sulla storia del suo nuovo club: “Giocherò con una maglia importante, in un club storico per la città e per il territorio. Ne sono felice e spero di poter lasciare un’impronta in questa JCP”.

IL FUTURO E' GIA' INIZIATO

La stagione 2022-23 non sarà ricordata solo per il ritorno in Promozione. In casa JCP si guarda ai giovani con interesse e competenza, con il chiaro intento di aumentare il tasso tecnico della “juniores”. La regola dei tre under in campo è vincolante, ma l’obiettivo giallo-rosso-blu è legato a doppio filo con i ragazzi nati dal 2002 al 2005. Ottenere una tranquilla salvezza e far crescere i giocatori dell’under 19 al fine di potere valutare (tra un anno),se e come alzare ulteriormente l’asticella delle ambizioni. Il finale di stagione dei ragazzi di Matteo Mistroni ha dato il là alla ricerca di talenti che vogliano mettersi in gioco, sfruttando le occasioni che sicuramente arriveranno. In questi giorni la dirigenza sta mettendo a segno colpi importanti e il primo che vogliamo presentare è quello relativo a Matteo Vedovato.

Nato a Casale il 17 gennaio del 2004, da alcuni mesi si allena con la JCP di Bellingeri e di Mistroni, reduce dall’esperienza (terminata anzitempo) con l’LG Trino. Prodotto del fiorente vivaio nero-stellato, Matteo ha giocato nei Giovanissimi (2018-19) realizzando 17 gol. Nel 2019-20 (Allievi Regionali) è andato a bersaglio 16 volte, in un torneo interrotto anzitempo dalla pandemia. Nella stagione successiva è passato allo Sparta Novara (Allievi Regionali),ma anche qui il covid ha impedito un regolare svolgimento del campionato (sospeso dopo un mese). Il resto è storia recente. A Trino compone con Alessandro Chiaria una delle coppie più temibili a livello di 2004.

Dalla scorsa primavera si allena al “Bianchi” con la JCP. Lo staff tecnico juniorino non ha avuto dubbi. Attaccante ambidestro, 178 cm di altezza, rapido e dotato di buona tecnica individuale. Conclude con forza e precisione verso la porta e non ha paura del “confronto” fisico con i difensori avversari. Matteo Vedovato ha l’età per giocare con l’under 19, ma sarà aggregato alla prima squadra come tanti dei suoi coetanei. Mister Bellingeri ha fiducia in lui e non ha nessun problema a farlo esordire nel regionale di Promozione. Matteo, i presupposti ci sono tutti. Ora tocca a te: “Sono contento di aver firmato per la JCP – dichiara il bomber – e sono consapevole di avere una grande opportunità. Con il mister non ci sono mai stati problemi, sento la fiducia e spero di ripagarla nel migliore dei modi. Ce la metterò tutta, in juniores e in prima squadra e sono sicuro che faremo bene perché lo spogliatoio ha davvero qualcosa di speciale”.

Da diverso tempo ti alleni con la JCP. Quali sono le tue impressioni sulla società, sullo staff e sui tuoi compagni? “Da quando sono arrivato sono stato accolto alla grande da parte di tutti. La società ha sempre manifestato l’intenzione di puntare su di me e i compagni mi hanno fatto sentire uno di loro. E’ stato bello vedere la promozione della prima squadra, una cosa che ci ha coinvolto al 100%. Credo che il gruppo sia di per se competitivo, ma sto vedendo i ragazzi che completeranno l’organico e non posso che essere soddisfatto perché si tratta di ottimi giocatori. Come under 19 cercheremo di mettere in difficoltà nelle scelte mister Bellingeri e poi dovremo dare il massimo per meritare la sua convocazione”.

Può essere davvero la stagione più importante per la tua giovane carriera. Qual è il tuo stato d’animo, quali i tuoi obiettivi? “Personalmente voglio ritagliarmi il maggior spazio possibile in prima squadra. Non sarà facile, perché ci sono tanti compagni altrettanto bravi e meritevoli, ma darò tutto per non avere alcun tipo di rimpianto. Non vedo l’ora di iniziare. Sento che sarà una stagione speciale e sono contento di viverla con i mister dell’anno scorso e con dei compagni con un grande cuore”.

Ricerca in corso...