Un grande flash mob per le vittime dell'amianto e per l'ambiente

Si svolgerà mercoledì 20 aprile, dalle 8.30 alle 15, con la partecipazione degli studenti di tutte le scuole di Casale Monferrato

CASALE MONFERRATO

Mercoledì 20 aprile (l'evento è stato anticipato di un paio di giorni per il previsto maltempo per venerdì 22 aprile),in occasione della Giornata Mondiale della Terra, la Rete ScuoleInsieme, che riunisce tutte le scuole di Casale Monferrato, organizza al Parco Eternot un grande flash mob, che si svolgerà dalle 8.30 alle 15.

Il video dell’evento, realizzato attraverso il montaggio delle singole performance, riprese in particolare dall’alto con il drone, sarà poi diffuso sui social e presentato in un momento ufficiale, in occasione degli eventi programmati per la Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto 2022 (28 aprile e giorni seguenti): un invito all’impegno e alla partecipazione delle scuole casalesi.

Si è scelto di sviluppare le performance al Parco Eternot, per il profondo valore simbolico che riveste, sia per la lotta contro l’inquinamento d’amianto, sia per la rinascita post pandemica, che comprende anche il riappropriarsi degli spazi pubblici da parte della comunità.

Ogni scuola sarà presente in momento differente della giornata, in modo da non creare assembramenti nel rispetto delle disposizioni di contrasto al covid 19 ancora in vigore.

I temi del flash mob sono innanzitutto l'amianto, in supporto del processo Eternit bis in corso a Novara e l’ambiente.

In queste ultime settimane, di fronte al respiro soffocato dall’aggressione Russa all’Ucraina, abbiamo ritenuto di aggiungere a questi due temi l’accoglienza dei profughi e l’invio di beni di prima necessità in solidarietà al popolo ucraino.

Un tema questo indissolubilmente legato a pace, libertà, democrazia e giustizia.

Tutti valori che stanno al centro di quanto rende possibile la pratica delle altre A dell’evento.

Ogni flash mob sarà ripreso sia a terra sia dall’alto, con il drone.

Un gruppo di studenti si occuperà della documentazione dell’evento e realizzare delle brevi interviste ai creativi che hanno curato le coreografie, ai partecipanti, ai cantanti/musicisti, immagini fotografiche, realizzando un reportage scritto dell’azione svolta.

Ricerca in corso...