CLOSE X

Migliorare la sicurezza sul lavoro: ecco come si fa

La collaborazione tra il management e il personale è essenziale in tal senso: la sicurezza sul lavoro, se ben implementata, contribuisce anche a incrementare la produttività

CASALE MONFERRATO

Per incrementare la sicurezza sul lavoro sono molteplici gli accorgimenti che possono essere messi in atto, relativi tra l’altro alla manutenzione ordinaria e alla formazione. A prescindere dalla tipologia di lavoro che viene eseguita da un team, la sicurezza è sempre indispensabile, tanto in un ufficio quanto in un contesto in cui vengono svolte attività manuali. La collaborazione tra il management e il personale è essenziale in tal senso; la sicurezza sul lavoro, se ben implementata, contribuisce anche a incrementare la produttività.

Il ruolo della formazione

Uno dei primi passi che possono essere compiuti da questo punto di vista riguarda le sessioni di formazione che devono essere messe a disposizione del personale: a questo scopo ci si può rivolgere a Sicurya, che è una realtà specializzata in questo ambito. Tutte le persone presenti in un contesto aziendale devono sapere quali sono le varie tipologie di infortuni che possono capitare sul posto di lavoro. Nel caso in cui, per esempio, siano presenti in azienda dei macchinari pesanti, è auspicabile che gli utilizzatori di macchinari siano in grado di maneggiarli in maniera sicura. Un team potrebbe avere esperienza nell’impiego di apparecchi simili; tuttavia non è detto che i modelli siano tutti uguali, e per questo c’è il rischio che il macchinario venga utilizzato in modo non adatto, con possibili lesioni fisiche conseguenti. Ma non è tutto, perché la formazione comprende anche informazioni e dimostrazioni relative alle modalità di gestione degli infortuni. Se è vero che per la produzione ci sono delle procedure standard di carattere operativo, ecco che per la gestione delle varie tipologie di lesioni servono dei sistemi ad hoc.

Il ruolo della segnaletica

Per la comunicazione sul luogo di lavoro la segnaletica riveste un ruolo di fondamentale importanza, ed è questo il motivo per il quale essa deve essere il più possibile chiara. Quando il pavimento è scivoloso, per esempio, serve il segnale giallo di forma triangolare che indica, appunto, la scivolosità della superficie. Ciò consente di evitare incidenti, anche se ovviamente lo staff è tenuto a rispettare quanto indicato dalla segnaletica. I cartelli, poi, possono fornire delle avvertenze a proposito di ambienti nei quali sono in corso di svolgimento dei lavori. È davvero elevato il rischio di gravi lesioni in un contesto di lavoro che non presta la dovuta attenzione alla segnaletica di avvertimento o in cui i componenti dello staff non tengano conto di tali avvertenze. Infatti, un incidente fisico può essere causa addirittura di paralisi o di morte. Quindi tutte le aziende dovrebbero investire nella comunicazione garantita dalla segnaletica, mentre i membri del team dovrebbero rispettare le indicazioni fornite.

Le pause di riposo

Un fattore che troppo spesso viene sottovalutato quando si parla di sicurezza sul lavoro è quello relativo alle pause di lavoro, che sono essenziali per il benessere dei dipendenti e proprio per questo motivo devono essere incentivate e promosse. Una pausa di riposo permette ai componenti di uno staff di beneficiare della rotazione delle ore di lavoro, e questo favorisce il tempo di riposo. Per quel che riguarda il lavoro in ufficio, d’altro canto, è auspicabile che nelle pause di riposo si faccia anche stretching. Può sembrare strano, eppure le lesioni si possono verificare anche se si sta di fronte allo schermo del pc per tante ore di seguito. Di conseguenza, sarebbe auspicabile alzarsi dalla scrivania una volta ogni 30 minuti per concedersi una camminata e riattivare la circolazione del sangue e allungare la schiena, evitando che con il tempo si incurvi. E poi ogni tanto bisogna staccare gli occhi dal monitor per approfittare della luce naturale.

A cosa serve la manutenzione ordinaria

Gli infortuni sul posto di lavoro possono essere evitati anche grazie alla manutenzione ordinaria, le cui caratteristiche variano a seconda dell’area di lavoro. I macchinari che, per esempio, in un cantiere vengono usati dallo staff necessitano di una specifica manutenzione ordinaria. Al tempo stesso è auspicabile che lo staff riceva una formazione adeguata che gli consenta di riconoscere i difetti dei macchinari. La manutenzione infine deve riguardare lo stesso spazio di lavoro, con riferimento in particolare alla depurazione dell’acqua, alla riparazione di eventuali mobili rotti o ai cavi elettrici.

Ricerca in corso...