La Lan Service Zheroquadro al Giro d'Italia Under 23

La compagine cittadina punta a concludere la rassegna nella migliore posizione possibile

CASALE MONFERRATO

Il Giro d’Italia Under23 di ciclismo si avvia alla conclusione. Oggi, venerdì 4 settembre, si parte da Barzio (LC) fino ai quasi 2000 metri di Montespluga (SO),mentre domani, l’ottava e ultima tappa di Aprica (SO) comprenderà la mitica scalata al Mortirolo.

La Maglia Rosa ha parlato spagnolo nei primi due giorni di gara, con la prima tappa appannaggio di Alejandro Ropero Molina della Kometa-Xstra-Cycling, per poi passare sulle spalle di Luca Colnaghi della Zalf Euromobil Désirée Fior, che si è aggiudicato dapprima la seconda frazione e poi si è ripetuto nella terza, conquistando la maglia.

Una bella soddisfazione per il forte corridore di Lecco, che quest’anno ad agosto ha già vinto in Monferrato a Fubine, per poi classificarsi 15° ai Campionati Europei di categoria.

Nella quarta tappa è salito in cattedra il talento inglese Thomas Pidcock della Trinity Road Racing, che ha fatto il vuoto in salita ed è tutt’ora in testa alla classifica. Una carriera da predestinato, per il giovane corridore classe ‘99 originario di Leeds, campione mondiale in carica di ciclocross. Se riuscirà a domare anche le restanti due tappe, la sua sarà una vittoria più che meritata.
Un po' di sfortuna per i portacolori casalesi LAN Service-Zheroquadro, un progetto giovane che non può certo ancora concorrere per le posizioni di prestigio. La compagine cittadina punta a concludere la rassegna nella migliore posizione possibile, anche se le molte cadute dei primi tre giorni dovute al maltempo hanno tolto dai giochi due dei tre elementi su cui il team manager Gianni Pederzolli puntava per le corse a tappe.

Il danese Lucas Norregaard è stato infatti suturato a bordo strada il secondo giorno, per poi arrendersi alle troppe ferite nella terza tappa, mentre l’acquese Simone Carrò è finito in ospedale per accertamenti che per fortuna hanno dato esito positivo. Resta il torinese Alessio Palma, che sta lottando per finire il Giro nel migliore dei modi ed è reduce da un 44° posto nella frazione di mercoledì 2 settembre e un buon 26° posto in quella di giovedì 3, che prevedeva di pedalare lungo tutto il perimetro del Lago di Como, con partenza e arrivo a Colico (LC).

Nella foto, Palma sul palco della 6° tappa.

Ricerca in corso...