Il 'Trofeo Nonno Mario – edizione della Befana' alla Yudanshakai

Tutti presenti il giorno dell’Epifania, alle 15, ognuno a casa propria, in salotto, in cucina, in soggiorno o in garage, ma tutti rigorosamente in karate-gi

CASALE MONFERRATO

(Nella foto accanto: Andrea Porzio Badolo)

Come promesso in occasione della riuscita prima gara in streaming della Yudanshakai Karate Casale, il maestro Valerio Polello ha chiamato a raccolta tutti i suoi allievi che hanno risposto come sempre con grande entusiasmo, ed è stato indetto il 'Trofeo Nonno Mario – edizione della Befana'.

Tutti presenti il giorno dell’epifania, alle ore 15, ognuno a casa propria, in salotto, in cucina, in soggiorno o in garage, ma tutti rigorosamente in karate-gi, (la divisa dei praticanti di karate),tutti impeccabili nel rispetto delle regole del Karate e tutti emozionati come è giusto essere prima di una competizione.

Dieci gli arbitri scelti tra i maestridella Yudanshakai: Chiara Polello, Lele Berrone, Andrea Billitteri e Matteo Porzio Bodolo, affiancati da alcune delle cinture nere più esperte della scuola casalese, Valeria Saini, Massimo Scalon, Antonio David, Matteo Billitteri, Michele Baracco e Alice Vetri, gestiti a distanza dal Presidente di Giuria Marco Marras che ha anche curato l’organizzazione telematica della gara.

Otto le categorie di gara, per i più piccoli esecuzione di due differenti kata adattati ai ridotti spazi domestici, mentre per i più esperti era richiesta l’esecuzione del proprio Tokui kata (Kata preferito) in due diverse interpretazioni, la prima eseguendo il kata in linea retta, e la seconda prova eseguendo lo stesso kata all’interno di un immaginari quadrato di poco più di un metro di lato, suggerendo così la possibile applicazione delle tecniche in spazi obbligati come potrebbe capitare in condizioni di reale attacco da parte di uno o più aggressori, perché il Kata non è come a molti può sembrare una mera esecuzione di tecniche più o meno belle e spettacolari, bensì l’allenamento estremo di efficaci tecniche di autodifesa.

“Come in ogni situazione di necessità e di vincoli inamovibili – commenta il maestro Valerio Polello – mi sono sforzato di ricordare tutto quanto in decenni di pratica ho imparato dai miei due Maestri, Hiroshi Shirai e Carlo Fugazza, sia dal punto di vista tecnico che di spirito e così ho sviluppato metodi di studio e pratica per me impensabili fino a pochi mesi fa trovando nei miei fantastici allievi un terreno molto fertile. Nessuno di loro mi ha abbandonato in questo strano periodo e questo continua a darmi un grande entusiasmo nel portare avanti il nostro Karate Tradizionale in attesa della riapertura delle palestre.”

A cappello della manifestazione due premi speciali agli atleti con il punteggio più alto in assoluto: il premio “ Super Re Magio” che è andato a Pietro Luppino, classe 2009 e cintura marrone e il titolo di “Super Befana” che è stato conquistato dalla bravissima cintura gialla di 7 anni Andrea Porzio Bodolo che ha totalizzato anche il punteggio più alto in assoluto.

Tutti veramente bravi, ed è tangibile il miglioramento di tutti rispetto alla prova del 28 novembre, a conferma che con la giusta guida, entusiasmo e impegno personale si possono superare molte difficoltà.

Ricerca in corso...