Esami di cintura nera di karate per lo Yudanskai Casale e San Salvatore

Ottimi risultati per gli allievi dei maestri Valerio Polello e Lele Berrone

CASALE MONFERRATO

Domenica 4 novembre al Palasport c'era il consueto appuntamento annuale con lo stage di Karate Tradizionale per il Piemonte, diretto dal maestro Hiroshi Shirai, 10° dan e Maestro dei Maestri, l’uomo che 60 anni orsono portò il karate in Italia e che rappresenta tuttora il meglio del karate a livello mondiale.

Dopo lo stage a cui hanno partecipato oltre 220 karateka da tutto il Piemonte, si sono svolti gli esami per la cintura nera e per i successivi dan (gradi) con l’impeccabile organizzazione curata del presidente del Comitato Regionale, il maestro casalese Valerio Polello, allievo diretto del Maestro Shirai.

Molto impegnativa la sessione d’esame per il casalesi della Yudanshakai Casale che ha presentato nove candidati per tutti i gradi, dal 1° dan al 5° dan, ottenendo tutti i gradi richiesti a parte una sbavatura del pur bravo Andrea Capobianco che durante l’esame da 4° dan è stato rimandato nel kumite (combattimento) con i preziosi consigli personali del Maestro Shirai per colmare le piccole ma importanti lacune per un grado così elevato.

Ottime tutte le altre prove, a cominciare dalla più giovane del gruppo, Martina Favretto, 14 anni, studentessa del Liceo Sportivo 'Sobrero' e che conquista con merito la cintura nera 1° dan come pure il bravo e tenace Marco Marras.

Secondo Dan per Davide Cantamessa, con una prova precisa e determinata; Terzo Dan per l’atleta della nazionale Giulia Pisano e per il due primi allievi del corso “non agonisti” voluto dal maestro Polello: Massimo Scalon e Gianluca Mercalli che hanno sostenuto una prova veramente lodevole acquisendo anche loro l’impegnativo grado di 3° dan.

Una menzione speciale per Valentina Corona, atleta storica della Yudanshakai che dopo una pausa forzata per motivi professionale di ben 9 anni è tornata ad allenarsi e studiare karate con il suo maestro.

Il massimo grado acquisibile con esami è il 5° dan e da questo momento in poi solo la commissione tecnica nazionale può assegnare altri gradi, quindi è l’esame della vita, l’ultimo e il più emozionante, come il primo per la cintura nera.

Valeria Saini, altra atleta storica della Yudanshakai ha superato questo esame con una prova impeccabile, dimostrando maturità e profonda conoscenza della tecnica, e ora sicuramente condividerà questo prestigioso riconoscimento con le sue piccole Noemi e Alice che hanno seguito i suoi allenamenti anche dal grembo materno.

“Sono momenti importanti ed emozioni alle quali per fortuna non ci si abitua, ogni volta che presento i miei atleti agli esami io sono il primo a sostenere l’esame, con loro e per tutti loro, e per questo ringrazio di cuore tutti i miei allievi che con la loro fiducia mi sostengono nell’allenamento e nello studio del karate”, commenta Valerio Polello.

Tre nuove cinture nere a San Salvatore Monferrato

Per la Yudanshakai San Salvatore, oltre all’istruttore Lele Berrone, hanno preso parte a questo importante momento di allenamento e crescita nella pratica del karate quindici allievi.

Per lo svolgimento dell’allenamento che ha preceduto gli esami, i partecipanti sono stati suddivisi in più gruppi: il maestro Shirai ha seguito le cinture nere da 2 Dan in su, per gli altri è stato coadiuvato dai maestri Acri, Cardinale, Campari, Giacobini e Polello.

Finito lo stage si sono svolti gli esami per la cintura nera e dan superiori che vedeva quattro allievi della Yudanshakai impegnati nelle prove.

Hanno brillantemente superato l’esame per la cintura nera i fratelli Boniolo, Riccardo e Serena ed Enrico Taccori.

Ha conseguito invece il 2° dan Alessandro Boccalatte che era stato rimandato l’anno precedente. La sua costanza ed impegno continuo gli hanno permesso di ottenere questo importante riconoscimento.

“L’anno sportivo non poteva iniziare in modo migliore – commenta contento l’istruttore Lele Berrone – vedere i propri allievi superare brillantemente questi esami fa veramente piacere e ripaga del lavoro svolto in palestra da me ma soprattutto da loro. Dal 2002 a oggi a San Salvatore Monferrato il nostro gruppo è una realtà ormai consolidata e il gruppo è molto unito e si è creato un ambiente piacevole dove praticare karate, per questo devo ringraziare tutti i miei allievi e le loro famiglie”. 

Ricerca in corso...