Challenge Gran Monferrato: vincono Luca Colnaghi e Riccardo Lucca

Si sono disputate nel week end a Fubine le prime due gare. Domani, mercoledì 112, iniziano le gare a Casale Monferrato

FUBINE

Si sono disputate a Fubine nello scorso weekend le prime due gare del Challenge Gran Monferrato – Pella Sportswear, promosso dal manager di ciclismo Gianni Pederzolli e dal Velo Club Novarese. Sabato 8 agosto il Trofeo Luigi e Davide Guerci e domenica 9 agosto il Trofeo Fubine Porta del Monferrato, corse riservate alle categorie Elite e Under23.

Sabato, un percorso veloce ma allo stesso tempo ondulato ha selezionato il gruppo. Si è imposto Luca Colnaghi della Zalf Euromobil Désirée Fior, prima attaccando in solitaria ad una ventina di chilometri dall’arrivo e poi battendo in volata Matteo Zurlo della Casillo Petroli Firenze Hoppla, l’unico tra gli avversari in grado di raggiungerlo quando ancora mancavano circa sette chilometri alla fine della corsa in alto, (nella foto di Federica Rizza).

Bellissimo e molto tecnico il tracciato di domenica 9, con lo strappo in salita che conduce in Comune, nel centro di Fubine, da affrontare più volte. Un assolo sul finire ha permesso al trentino Riccardo Lucca della General Store Essegibi F.lli Curia di staccare il gruppo e presentarsi sotto lo striscione del traguardo con un vantaggio di un minuto e trenta secondi (nella foto qui sopra di Roberto Rizza). Con questa vittoria, Riccardo raggiunge Luca Colnaghi in cima alla classifica generale del challenge. Colnaghi mantiene la vetta in solitaria della classifica riservata ai soli Under23.

Ha fatto gli onori di casa il sindaco di Fubine, l’onorevole Lino Pettazzi, che ha messo a disposizione dell’organizzazione della corsa il suo paese. “Un’opportunità che non mi sono voluto far sfuggire”, ci dice.

“Fubine e più in generale tutto il Monferrato hanno bisogno di essere conosciuti e apprezzati da un numero sempre maggiore di persone. Paesaggi ma soprattutto persone meritevoli di eventi prestigiosi che contribuiscano a rendere sempre vivo un territorio meraviglioso. Queste due corse hanno portato una benefica scossa e una piccola spruzzata di novità nella vita un po’ compassata – purtroppo anche a causa della pandemia – di Fubine. Proprio noi che siamo abituati ad un’estate ricca di appuntamenti, quest’anno ci siamo visti costretti a rivedere i nostri programmi”.

Durante la premiazione (nella foto di Roberto Rizza),l’onorevole Pettazzi ha ringraziato l’organizzazione di corsa e tutti gli intervenuti ma, a ben vedere, avrebbero dovuto essere i presenti a ringraziare lui. Non è infatti scontato né tantomeno usuale vedere così impegnati in prima persona le autorità del paese ospitante.

“Seguire tutto in prima persona è spesso faticoso – afferma Pettazzi – ma è l’unico modo per non perdere il polso della situazione ed essere pronti ad operare nella maniera più consona. Chiaro che ciò è fattibile in un paese medio-piccolo, perché in grandi realtà risulta inevitabile demandare anche ad altri mansioni e responsabilità. Da qui, l’importanza di avere alle spalle un’equipe affidabile. In questo particolare caso poi, dobbiamo dire che ci siamo divertiti un sacco ad integrarci nella carovana della corsa”.

Ricerca in corso...