Le Tre Rose: partnership con Alessandria e Open Day al Ronzone

In programma sabato 25 settembre, dalle 15 alle 17, in collaborazione con l'Associazione casalese Anas

CASALE MONFERRATO

A causa degli effetti della inattività prolungata causa pandemia covid 19 – che ha penalizzato le squadre sportive non professionistiche – a cui nel casp delle Tre Rose Rugby si sono aggiunti i problemi legati alla tipologia della squadra: terminato, per i giocatori richiedenti asilo il periodo sotto la protezione delle cooperative, alcuni non hanno ottenuto il permesso di soggiorno per rimanere in Italia ed hanno dovuto allontanarsi: i più lo hanno ottenuto ma, a questo punto, è subentrata la necessità di reperire un lavoro per poter vivere dignitosamente, per cui questo ha comportato e comporta, o l'allontanamento da Casale Monferrato o l'essere assunto con orari o mansioni più facilmente reperibili come ad esempio essere addetti alle pulizie delle ditte, sempre di notte, o nei ristoranti, birrerie, ecc., dove si lavora la sera/notte, il sabato e la domenica.

Per tutti questi motivi, ci si è ritrovati al campo con un numero risicato per poter affrontare la stagione agonistica con tranquillità.

La soluzione ottimale, a questo punto, per non disperdere il lavoro di questi anni e per non porre fine al progetto di inclusione sociale attraverso lo sport del rugby, è stata quella di accordarsi con l'Alessandria Rugby, che ha accettato di buon grado. Il progetto, dunque continua, per quest'anno con un'unica squadra, per ripartire il prossimo con due.

Questo accordo è molto importante per i ragazzi monferrini, che si ritrovano, così, ad avere la possibilità di una sorta di carriera sportiva: l'obbiettivo dell'Alessandria è il ritorno in serie “B”.

“Dal canto nostro – commenta il presidente Paolo Pensa – siamo contenti di averli aiutati ed aiutare ad aver ottenuto il permesso di soggiorno (uno dei tre motivi indicati è il partecipare a questo importante progetto di inclusione sociale),a reperire un lavoro, un'abitazione, il ricongiungimento familiare ed altri bisogni, come, ad es. il passaporto. Il progetto delle Tre Rose continua, quindi, sia con i seniores che con gli under e stanno arrivando al campo figli, cugini, nipoti, amici dei nostri giocatori migranti".

E sabato 25 settembre, dalle 15 alle 17, in collaborazione con l'Associazione casalese Anas, il primo Open Day del Rugby al campo del Ronzone!

Ricerca in corso...