Non basta il capolavoro di Curcio a regalare il derby al Casale

Una rovesciata dell'attaccante porta i nerostellati in vantaggio, ma l'Alessandria trova il pari con Ferretti: 1-1

CASALE MONFERRATO

Non basta la prodezza geniale di Alessio Curcio a regalare al Casale la vittoria nel derby con l'Alessandria che manca dall'ormai lontano 2006. E' stata una sfida più combattuta rispetto a certe prestazioni abuliche del recente passato che ha lasciato contenti gli spettatori (circa 800, purtroppo dati molto lontani dai derby degli anni '70 e '80) che hanno scelto di passare il pomeriggio al 'Natal Palli'. Nella loro memoria resterà la prodezza di Curcio, una rovesciata capolavoro (a molti ha ricordato la classica sforbiciata 'alla Parola' immortalata nelle figurine) che ha portato in vantaggio i nerostellati alla fine del primo tempo, poi raggiunti ad inizio ripresa da un'incornata di Ferretti, bel gesto atletico anche quello. Sul punteggio pesano anche le occasioni mancate, almeno tre dall'Alessandria nel primo (due Fanucchi, una Ferretti) e due dal Casale (entrambe con Cinque). Ma mettendo sulla bilancia gol e occasioni il risultato appare corretto: non risolve i problemi delle due squadre, il Casale in lotta per evitare la retrocessione, l'Alessandria all'inseguimento del treno play off, ma nemmeno li complica, ed è già qualcosa. Però adesso il Casale dovrà andare a fare punti anche a Bassano. Da segnalare, prima della partita, la consegna di un mazzo di fiori da parte del capitano Daniele Molino alla supertifosa Giovanna Bonzano, colpita di recente da un gravissimo lutto famigliare.

LA CRONACA

Primo tempo - L'Alessandria è pericolosa dopo 7': sponda di Caciagli per Fanucchi al centro, gran parata di Ruzittu. Il Casale replica al 18' con un gran tiro di El Kamch dalla lunga distanza, bloccato da Servili. Due minuti dopo è ancora l'Alessandria che potrebbe passare: angolo di Caciagli, testa di Fanucchi, grande intervento di Ruzittu che mette in angolo. Sugli sviluppi del corner grigi ancora vicini al gol: stacco di Ferretti, Ruzittu smanaccia, Molino spazza sulla linea. Nel Casale Perra è costretto a sostituire Siega (distorsione alla caviglia) con Cinque, ed è proprio l'attaccante di scuola Lazio ad avere la grande opportunità di sbloccare il punteggio: Barbagli perde palla, Cinque si invola, si presenta davanti a Servili, il pallonetto è incredibilmente fuori. Il gol nerostellato è nell'aria ed arriva al 42': cross di Cristiano e rovesciata capolavoro di Curcio che lascia Servili di sasso.

L'Alessandria accusa il colpo, il Casale potrebbe sferrare il ko: cross basso di Cristiano, ma Cinque non ci arriva.

 

Secondo tempo – Ad inizio ripresa anche Cusatis è costretto al primo cambio, inserendo Bertocchi al posto dell'acciaccato Rossi. Il Casale si fa vedere dalle parti di Servili con un cross di Steri per Cinque, anticipato dal portiere grigio. Al 9' arriva il pareggio dell'Alessandria: cross di Caciagli, tuffo di Ferretti che beffa Ruzittu. Con il pareggio la partita cala d'intensità ma c'è tempo ancora per una grande occasione, al 21', del Casale: lancio lungo di Cinque, che si presenta solo davanti a Servili, ma perde il tempo e viene anticipato. Non capita praticamente più nulla fino al 90

 

 

PERRA: 'SONO CONTENTO, PER ME TUTTI PROMOSSI'

 

Il Casale aspettava una risposta dal cambio della guida tecnica e Virgilio Perra ammette la sua soddisfazione: “Sicuramente, sotto l'aspetto dell'impegno e anche sotto il profilo tattico, posso essere contento per come i miei ragazzi abbiano risposto a questo impegno molto duro, contro una squadra forte come l'Alessandria. Questa è una squadra che in passato subiva molto, ho visto le registrazioni in cui, soprattutto nella prima parte di gara, la difesa andava in difficoltà mentre oggi, pur con qualche sbavatura, la difesa ha subito molto meno e già questo è un grosso passo in avanti. Ribadisco la mia soddisfazione: se questo era un primo esame, allora sono stati tutti promossi”.

 

In settimana Perra aveva dichiarato di non fare rivoluzioni e invece a cambiato molto: Giunta spostato in difesa e Cristiano a centrocampo, Monaco dirottato a destra, Steri trequartista e Siega seconda punta. Non male per uno che diceva di non voler fare cambiamenti: “Ma non so se questo modulo, il 4-3-1-2, e queste modifiche saranno ripetute nelle prossime partite e diventeranno definitive. Mi sono basato sui primi giorni di allenamento e c'è ancora molto da lavoro. Spendo una parola per Steri, giocatore che conosco bene e che è dotato di una grandissima intelligenza tattica, come ha dimostrato giocando prima trequartista e poi, arretrando a fare addirittura il terzino”.

 

 

 

CASALE – ALESSANDRIA 1-1

 

Casale (4-3-1-2): Ruzittu; Monaco (22'st Sicurella),Cirina, Moretto, Giunta; Cristiano, El Kamch, Molino (40'st Grieco); Steri, Curcio, Siega (33'pt Cinque). A disp.: Dinaro, De Martino, Silvestri, Russo. All.: Perra.

 

Alessandria (4-3-1-2): Servili; Gambaretti, Cammaroto, Barbagli, Mazzuoli; Tanaglia, Roselli, Caciagli; Rossi (1'st Bertocchi); Fanucchi, Ferretti (43'st Filiciotto). A disp.: Pavanello, Pappaianni, Viviani, Boron, Bianchi. All.: Cusatis.

 

Arbitro: Benassi di Bologna.

 

Assistenti:Giampetruzzi di Chiavari e Miceli di Prato.

 

Reti: 42'pt Curcio (C),9'st Ferretti (A).

 

Note: Giornata autunnale, terreno in discrete condizioni. Spett. 700ca. Ammoniti: 31'pt Tanaglia (A),32'pt Caciagli (A),43'pt Cristiano (C),14'st Monaco (C),16'st Mazzuoli (A),35'st Moretto (C),41'st Roselli (A),43'st Cinque (C),45'st Cirina (C). Angoli 6-3. Rec.: 3'+3'

 

Redazione On Line
Ricerca in corso...