Novipiù, ultimo quarto fatale: Roma vince il big match

I rossoblu conducono per 30' poi, nell'ultimo periodo, la Virtus inizia la rimonta e conquista il successo: 74-66

ROMA

Partita dalle mille sfaccettature quella tra Virtus Roma e Novipiù Casale, con i rossoblu che conducono per 30' ma nell'ultimo periodo subiscono la rimonta dei padroni di casa e cedono il passo 74-66. La Junior parte forte guidata da Musso e con una difesa super, ma la Virtus non demorde mai e riesce a rimanere sempre in scia arrivando poi a piazzare il break decisivo con il successivo allungo nei 10' finali. Per la Novipiù sono 20 i punti per un Musso mai domo, mentre Pinkins trova ancora una doppia doppia con 16 punti e 13 rimbalzi.

Musso apre subito la partita poi le due squadre si fermano una volta di troppo sul ferro: Santiangeli non è preciso dalla lunetta (1/2) ed è allora Martinoni ad approfittarne per l'1-4. Si segna poco in questo primo periodo con le difese che prevalgono e i tiri che non trovano la retina: Sims e Pinkins provano a scuotere la situazione (4-11) mentre sotto le plance difensive svettano le maglie rossoblu e coach Bucchi chiama timeout. La Virtus trova punti dalla linea della carità mentre Musso trova il 6-13 in contropiede: Baldasso risponde con una tripla ma s'iscrive anche Musso dall'arco, mentre Santiangeli trova il gioco da 4 punti che vale 13-16. E' Martinoni a chiudere il quarto 13-18.

Il secondo quarto vede in avvio Valentini dalla lunetta (1/2) e Sandri che trova subito una tripla: i rossoblu provano a stringere le maglie della difesa ed è ancora Valentini ad andare a segno dalla lunga distanza per il 16-22. La Virtus non ci sta ed accorcia ancora le distanze, ma senza aver fatto i conti con Musso che ha le mani infuocate dall'arco; Sandri e Moore non sbagliano, ma è Chessa a piazzare il canestro del primo sorpasso (26-25). Coach Ferrari richiama i suoi in panchina e al rientro il ritmo si alza ulteriormente mentre Musso realizza nuovamente dai 6.75 metri, la Virtus impatta e piazza ancora il sorpasso dopo qualche distrazione della Novipiù (30-28): è ancora timeout per la Junior. Pinkins prova a scuotere i suoi ma Sims risponde a dovere: Martinoni non sbaglia dalla lunetta, ma Sims si carica la squadra sulle spalle mentre Pinkins proprio non ci sta e insacca dalla lunga distanza chiudendo il quarto 36-37.

La tripla di Musso dà il via al terzo quarto mentre la difesa della Novipiù alza la difesa mandando in confusione l'attacco della Virtus e Tinsley trova la tripla del 36-43; i padroni di casa si sbloccano con Sims ma la Junior non vuole mollare e al nuovo canestro di Tinsley coach Bucchi decide di fermare il gioco. Pinkins continua a catturare rimbalzi e Martinoni ne approfitta subito e Cesana infiamma la retina per il 40-50: Chessa risponde con la stessa moneta e Landi accorcia ulteriormente. Musso vince un viaggio in lunetta (2/3) con la difesa dei rossoblu che continua a tenere a bada gli avversari e Pinkins che sigla il 45-53; Baldasso cerca una reazione nei suoi, ma nell'altra metà campo c'è già Pinkins pronto a muovere la retina della Junior. Landi e Baldasso trovano due triple fondamentali per la Virtus e coach Ferrari chiama immediatamente timeout: Sims accorcia ulteriormente e il quarto termina 55-56.

Quarto periodo fin da subito incandescente con le due formazioni che tuttavia non trovano il canestro nei primi minuti, è Martinoni il primo ad andare a segno realizzando solo uno dei tiri a disposizione: i rossoblu provano a tenere testa all'aggressività difensiva della Virtus mentre le retine tornano ad essere inviolate (55-57). Sandri trova il canestro che impatta la partita e il clima si fa incandescente: Sims si carica e trova il canestro del vantaggio mentre la Novipiù è in piena confusione e perde qualche pallone di troppo. Baldasso e Chessa piazzano il break della Virtus Roma (64-57),Tinsley trova punti dalla linea della carità ma Landi va ancora a segno dai 6.75 metri: Valentini risponde a dovere mentre Sims realizza il 70-62. Valentini ci prova dalla lunetta ma Sandri realizza dalla media di fatto chiudendo la partita: è la Virtus Roma a vincere 74-66.

VIRTUS ROMA – NOVIPIU' CASALE MONFERRATO: 74-66

(13-18; 36-37; 55-56)

VIRTUS ROMA: Spizzichino ne, Alibegovic, Lucarelli ne, Chessa 12, Moore, Sandri 9, Baldasso 12, Landi 12, Sims 23, Matic ne, Santiangeli 6. All. Bucchi

NOVIPIU' CASALE: Tinsley 7, Banchero  ne, Musso 20, Valentini 9, Cesana 3, Denegri, Battistini, Martinoni 11, Pinkins 16, Cattapan. All. Ferrari

LE INTERVISTE

Coach Mattia Ferrari: “Abbiamo giocato per larghi tratti una buona partita, forse in alcuni momenti abbiamo avuto un po’ troppa foga come all’inizio: è stata una partita di ritmo, ci siamo passati la palla e abbiamo tenuto bene considerando che noi abbiamo un deficit fisico rispetto a Roma. Abbiamo provato ad aprire il campo e a tenere alto il ritmo com’è nostra caratteristica: se analizzo così alla spicciolata la partita posso dire che ci sono tre possessi in cui Sims ha buttato fuori la palla e ci hanno fatto tre altrettante triple, noi abbiamo fatto uguale dall’altra parte, costruendo tiri piedi a terra che però non sono entrati. La sensazione che mi rimane è che la squadra abbia giocato una buona partita, che ci ha fatto vedere perchè secondo me Roma è la favorita alla vittoria del Campionato: noi volevamo giocare una partita solida, fuori casa, con una grande squadra, ci sono particolari da rivedere ma ci sono anche i meriti degli avversari. Abbiamo quindi interpretato bene la partita, su alcuni episodi abbiamo fatto cilecca e da questi riportiamo per rimetterci in bolla in vista del Derby di domenica. Noi anche questa sera abbiamo lasciato il campo con l’idea che siamo una squadra e che siamo coesi nonostante i nostri alti e bassi”.

Ricerca in corso...