Impresa Novipiù: espugnata Verona (69-76),la serie è 1-1

I rossoblu completano un'incredibile rimonta (da -17 alla fine del secondo quarto a +7): ora due partite (venerdì e domenica) al PalaFerraris per passare il turno

VERONA

Impresa della Novipiù che vince Gara 2, 69-76 a Verona, dopo una incredibile rimonta (da -17 dopo due quarti a +7) e pareggia la serie che ora è 1-1. Decisivo l'apporto di Denegri e Cesana, oltre che di Pinkins, ancora autore di una doppia – doppia.

La serie si sposta per le due prossime partite al PalaFerraris, dove i rossoblu avranno anche la possibilità di chiudere la serie evitando il ritorno a Verona. Venerdì Gara 3, domenica Gara 4: biglietti in vendita a partire da mercoledì 1 maggio.

LA CRONACA

Candussi e Pepper aprono la partita, con il canestro di Amato e la tripla di Martinoni a far capire fin da subito che il ritmo della partita è alle stelle: la Novipiù vuole mostrare i muscoli a rimbalzo fin da subito, ma è ancora Amato a siglare il 6-5. Fioccano le triple all’AGSM Forum, mentre Martinoni e Candussi si rispondono a vicenda da sotto le plance; il ritmo è alle stelle (13-10),con le due compagini che non si risparmiano in difesa. Candussi e Pinkins muovono le rispettive retine, mentre anche Ferguson si iscrive a referto e coach Ferrari ferma il gioco (18-12): al rientro ci pensa Pepper a sbloccare i suoi con una tripla, ma nell’altra metà campo c’è ancora Candussi ad inchiodare la palla a canestro. Freguson realizza il 23-15 mentre per i rossoblu c’è Valentini ad andare a segno: sono Udom e Cattapan a chiudere il quarto 26-19.

Inizio di secondo periodo contratto per entrambe le formazioni che dopo più di 2′ di gioco non sono ancora riuscite a sbloccare il punteggio: è Cattapan il primo a farlo, andando a segno dalla lunetta (1/2),seguito a ruota da Poletti (2/2). La Novipiù non riesce a trovare il fondo della retina, mentre in difesa butta in campo tutto quello che ha: Poletti trova il varco per realizzare il canestro del 30-20, mentre Cesana va a segno dalla media distanza. Verona sembra aver trovato il giusto ritmo con anche Vujacic che trova una nuova tripla: Casale continua a non trovare il fondo della retina, mentre anche Verona inizia ad avere difficoltà in fase offensiva. I rossoblu provano a stringere le maglie della difesa, mentre il 33-25 arriva per mano di Pepper: nella metà campo dei padroni di casa c’è però Candussi ad avere le mani infuocate. Amato va ancora a canestro e manda le squadre all’intervallo sul 42-25.

Il terzo periodo vede in avvio il canestro di Pinkins e la tripla di Vujacic, poi è ancora la Junior ad andare a segno con il solito Pinkins, seguito da Denegri che infila la tripla del 45-32; la Junior si rifà aggressiva e Musso è glaciale dall’arco. Cesana piazza la tripla del 45-38 e la Junior torna viva mentre ora è la Tezenis ad essere in difficoltà: la Novipiù accorcia ancora ma Ferguson prova a scuotere i suoi seguito da Candussi, mentre Denegri realizza il 49-44. Casale ci crede e Cesana realizza dalla media, ma Vujacic non è da meno nell’altra metà campo: la Junior butta tutto in campo, con Pinkins che svetta a rimbalzo e Denegri che realizza entrambi i liberi a disposizione (51-48). E’ il canestro di Poletti a chiudere il quarto 53-48.

Il rimbalzo con il successivo canestro di Pinkins inaugurano l’ultimo periodo, ma Poletti è ancora una volta chirurgico dalla lunga distanza: Denegri realizza il 56-52 mentre i rossoblu si chiudono in difesa. Amato non ci sta e va a segno dai 6.75 metri mentre Italiano, dall’altra parte, risponde con la stessa moneta: Pinkins impatta e Denegri piazza la tripla del 59-62. E’ timeout per coach Dalmonte, con Cesana che al rientro non perdona da oltre l’arco; Severini trova un canestro facile da sotto le plance ma Pinkins non ci sta e il suo tap-in si rivela vincente (61-67). Verona non ha intenzione di mollare e Ferguson risponde presente con una tripla mentre Cesana è chirurgico a cronometro fermo (2/2): i padroni di casa continuano a difendere con aggressività e Ferguson infila la tripla del 67-69. Martinoni non sbaglia da fuori area e poco dopo realizza dalla linea della carità (1/2): la formazione Scaligera continua a fermarsi sulla difesa dei rossoblu e ora è coach Dalmonte a fermare il gioco (67-73). Vujacic ci prova dalla lunga distanza ma il tiro si ferma sul ferro, mentre Pinkins fa gioire i suoi: Poletti prova l’ultimo assalto ma è troppo tardi e la Novipiù si porta a casa Gara 2: 69-76 il punteggio finale.

TEZENIS VERONA – NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: 69 – 76

(26-19; 42-25; 53-48)

TEZENIS VERONA: Dieng, Ferguson 14, Poletti 13, Amato 9, Oboe ne, Candussi 16, Vujacic 8, Cacciatori ne, Udom 3, Quarisa ne, Severini 6, Ikangi. All. Dalmonte

NOVIPIU’ CASALE: Banchero ne, Musso 3, Valentini 2, Cesana 15, Pepper 8, Denegri 19, Battistini ne, Martinoni 9, Pinkins 14, Cattapan 3, Giovara ne, Italiano 3. All. Ferrari

IN SALA STAMPA

Coach Mattia Ferrari: “Devo logicamente fare i complimenti alla squadra e allo Staff: sono stati molto più bravi di me. Nel primo tempo mi sono innervosito e così facendo ho innervosito tutti e questo non ha aiutato, se non fosse stato per Andrea Valentini e Andrea Fabrizi e per il fatto che ho una squadra di persone per bene e serie non avremmo vinto questa partita: ascrivo loro tutti i meriti. E’ stata una partita strana, con il dominio di una squadra nel primo tempo e la reazione dell’altra nel secondo tempo: per noi contava vincere la partita e così è stato. Ora abbiamo due giorni per prepararci e dobbiamo tenere l’onda lunga della gioia ma non perdere di vista le difficoltà e gli errori perchè Verona rimane favorita. Non voglio immaginare il fatto che i nostri tifosi non vengano a sostenerci: so che avremo un pubblico importante e avremo una bella atmosfera che ci aiuterà a giocare una partita tosta e solida come dobbiamo fare“.

Ricerca in corso...