Cinquanta minuti di battaglia e la Novipiù espugna Napoli: 91 - 97

Ci vogliono due overtime per aver ragione di un avversario mai domo. Decisivi i 23 punti di Davide Denegri

NAPOLI

Nel testa-coda del PalaBarbuto è la Novipiù ad uscire vittoriosa, ma lo fa dopo 50′ di gioco contro un Cuore Napoli Basket mai domo. Nel primo tempo sono i rossoblu a comandare la partita toccando anche il +17, sospinti dalle triple dei giovani; a partire dal terzo quarto Napoli fa scattare la scintilla giusta e riacciuffa il match toccando il -5 nel terzo quarto e portando poi la partita a due overtime. Finisce 91-97 in favore di una Novipiù guidata dai 27 punti di Sanders, dai 23 di Denegri e dalla doppia doppia di Martinoni.

E’ un avvio di partita le due formazioni che continuano a sbattere contro il ferro: è Cattapan a sbloccare la situazione, seguito da Mastroianni.

Napoli ci prova con Mascolo dalla lunetta (4-2),ma dall’altra parte ci sono ancora Cattapan e Martinoni a far muovere la retina rossoblu; il ritmo della partita non è elevato e Tomassini prova a suonare la carica con il 6-9. La Novipiù ci crede e il canestro di Sanders porta coach Bartocci a chiamare timeout: al rientro è Vangelov ad andare a segno per la squadra partenopea seguito a ruota da Mascolo. E’ Severini il primo a sbloccarsi dalla lunga distanza, per poi ripetersi anche dalla media distanza (10-19); Napoli vuole rimanere in partita e ne approfitta con Mascolo prima e Turner poi. Il primo quarto termina così 14-20.

Il secondo quarto mostra un inizio interamente marchiato Novipiù, con due triple di Denegri e una di Bellan che valgono il 14-29; per Napoli è Caruso il primo ad andare a segno dei suoi, ma anche Blizzard si iscrive a referto dalla lunga distanza ed è prontamente timeout per Napoli. Mascolo realizza solo uno dei tiri a disposizione, ma Turner non si tira indietro e firma il 22-34: la formazione di casa vince un altro viaggio in lunetta con Caruso che realizza entrambi i tiri, mentre dall’altra parte è Martinoni a vincere la mischia sotto le plance. Bellan e Caruso continuano a infiammare le rispettive retine (29-41),con Napoli che cerca di ricucire il gap di svantaggio, ma Sanders chiude il quarto 29-43.

Il gioco da tre punti di Turner e il canestro di Mascolo aprono il terzo quarto, con la Novipiù che è in affanno e litiga una volta di troppo con il ferro e sul canestro del 36-43 coach Ramondino richiama prontamente i suoi. Sanders sblocca il punteggio dei rossoblu con un buon gioco da tre punti, ma nell’altra metà campo è nuovamente Caruso a muovere la retina e la tripla di Turner porta Napoli sul 41-46; Martinoni e Sanders riportano punti in casa Novipiù e Mascolo non è da meno nella sua metà campo. Napoli prova a chiudersi in difesa e Casale fatica nell’andare a canestro: Cattapan ci prova dalla lunetta, ma Turner va a segno dall’arco (48-53). E’ il canestro di Cattapan a chiudere il quarto 48-55.

Ultimo periodo che si apre con un break di 5-0 ad opera di Vangelov e con la Novipiù che si affida al canestro di Denegri per mantenere il proprio vantaggio, ma Mascolo realizza la tripla del 56-57. Denegri risponde con la stessa moneta, ma la squadra partenopea non ci sta e va ancora a segno: la Novipiù non ci sta e prova a stringersi in difesa, ma Turner infiamma ancora la propria retina. Sanders realizza il 60-64, Mascolo ha le mani incandescenti, ma poi è ancora una tripla di Sanders a dare ossigeno ai suoi: Napoli vola nuovamente in lunetta con Caruso (64-67) e Severini lo segue a ruota realizzando entrambi i tiri a disposizione. I partenopei alzano il muro difensivo mentre Sanders va a segno a gioco fermo e Turner insacca dai 6.75 per il 67-70: Casale non ci sta e sono ancora tiri liberi per Sanders mentre la tripla di Blizzard si ferma sul ferro. Turner è chirurgico dalla linea della carità, Mascolo realizza solo uno dei due tiri (70-72): la Novipiù pasticcia in fase offensiva e Turner vola in contropiede ma arriva la stoppata di Cattapan a 7″ dal termine, ed è timeout per Napoli. Al rientro è ancora un viaggio in lunetta per Mascolo che realizza il 72-72: la tripla di Sanders non va a segno ed è overtime.

Sanders e Denegri danno il via al primo tempo supplementare, mentre per Napoli è Mastroianni ad andare a segno: inizialmente le due retine si muovono senza sosta (77-82),poi le squadre litigano una volta di troppo con il ferro. Turner non è preciso dalla lunetta, così come Martinoni, e sull’80-83 è timeout per la formazione di casa. Al rientro Turner impatta dalla lunga distanza ed è secondo overtime sull’83-83.

Vangelov apre il secondo extra time mentre Denegri è chirurgico dalla lunetta: Cattapan strappa palloni in difesa e Sanders ne approfitta per l’85-87. Ancora la Novipiù con Sanders, mentre Thomas e Blizzard si rispondono a vicenda (87-91); i partenopei ci provano ancora con Vangelov e il tap in di Martinoni tiene i rossoblu in vantaggio e porta coach Bartocci al timeout. Il tiro di Mascolo non va, Blizzard va invece a segno a gioco fermo: Mascolo si rifà dalla media, ma Denegri chiude sul 91-97.


CUORE NAPOLI BASKET – NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: 91-97 d2ts

(14-20; 29-43; 48-55; 72-72; 83-83)

CUORE NAPOLI BASKET: Malfettone ne, Crescenzi ne, Mastroianni 8, Zollo ne, Mascolo 28, Vangelov 11, Ronconi, Puoti ne, Thomas 2, Caruso 14, Turner 28, Bordi ne. All. Bartocci

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: Denegri 23, Tomassini 2, Valentini, Blizzard 9, Martinoni 15, Severini 7, Cattapan 8, Bellan 6, Sanders 27, Marcius ne. All. Ramondino

LE INTERVISTE

Coach Marco Ramondino: “Noi siamo venuti qui, e credo che lo abbiamo dimostrato giocando un ottimo primo tempo, con grande considerazione di quello che Napoli sta facendo nelle ultime partite, come ha dimostrato con la sconfitta subita all’ultimo tiro con Tortona, dove non è entrato il tiro di Turner e con il grande carattere che ha dimostrato con Legnano. Per noi era una partita molto difficile perchè venivamo da una brutta prestazione in Coppa Italia e ci apprestavamo ad entrare in partita con alte aspettative di risultato, com’è giusto che sia quando la prima in classifica va a giocare sul campo dell’ultima in classifica: questo aggiungeva difficoltà anche riguardo alle cose semplici. Al di là dei punti segnati al termine dei regolamentari, abbiamo sbagliato tanti tiri aperti che potevano darci un punteggio diverso: ma la squadra ha trovato il modo, in tutti i suoi interpreti, di fare giocate importanti. Nel finale dei regolamentari abbiamo provato a finire con il quintetto dei giocatori più in palla tenendo conto dell’infortunio in corso di gioco a Tomassini e l’assenza di Marcius, e nel momento in cui avevamo un po’ la lingua fuori, per esempio, Valentini è stato bravissimo a farsi trovare pronto. E’ molto importante che tutti siano stati decisivi in questa partita”.

Ricerca in corso...