Un bel successo per il primo week end di Let's Rock

Pubblico caloroso per l'edizione 2017 del festival musicale. Le immagini della seconda serata

CASALE MONFERRATO

Si è appena concluso un interessante weekend all’insegna della buona musica e del sano divertimento. La seconda edizione della rassegna musicale Let’s Rock, svoltasi a Casale Monferrato presso il Salone Tartara, ha registrato un notevole successo di pubblico in entrambe le serate.

Sul palcoscenico non poteva mancare Selena Bricco, artista casalese che, con la sua straordinaria simpatia ha saputo presentare la prima serata della manifestazione contribuendo a rendere l’atmosfera più frizzante.

Dopo un caloroso benvenuto al pubblico presente, la serata di venerdì è iniziata con l’esibizione musicale della band Network and Black Coffee composta da: Gioele Ancora (Voce solista e Tastiere),Marco Ricci (Chitarra),Riccardo Marchese (Batteria),Davide Zanet (Chitarra),Manuele Favaro (Basso Elettrico),Elena Caramella (Vocalist) e Bianca Dayot (Vocalist). La formazione musicale ha proposto brani R&B, Funk e Soul. I brani eseguiti nel corso della loro esibizione sono stati: “No Longer Bound”, “Carpet on a Ceiling”, “Emma”, “Illegal Pleasure” e “I still have faith”.

Il caloroso pubblico ha gradito la loro performance, applaudendo inoltre la diretta condotta nel backstage alla fine della loro esibizione e trasmessa sul palcoscenico. Tra pochi giorni uscirà il primo album di questa band: “Carpet on a Ceiling”.

Presentato da Selena, sul palcoscenico di Let’s Rock è salito un artista casalese: Danilo Grasso. Dopo la pubblicazione del suo ultimo romanzo “A Chiusello. La felicità che dorme”, l’ospite ha creato per la serata un racconto surrealista con immagine scattate da lui stesso. La narrazione della storia, composta da Danilo ed ispirata ad eventi della sua vita intrecciati tra loro talvolta grazie anche all’immaginazione, era strettamente collegata alle fotografie. La scelta dell’organizzazione di intervallare, durante il corso della serata, musica e racconto si è rivelata azzeccata ed efficace.

I Santarè sono stati la seconda formazione musicale ad esibirsi nel corso della prima serata. La band cuneese, da poco tempo dall’uscita del suo ultimo lavoro discografico “A occhi aperti nel buio”, ha presentato un repertorio composto da brani Pop-Rock Elettrico.

I componenti della band sono: Filippo Cavallo (Voce, Piano e Chitarra Acustica),Andrea Gorga (Basso Elettrico),Massimo Lorenzon (Batteria) e Andrea Bergesio (Fonico e Post Pruducer). La scaletta dei brani da loro proposti durante la loro esibizione comprende: “Invisibile”, “Appena di niente”, “Venduta”, “Saturno”, “Eroi”, “Libero”, “Paralleli di frequenze”, “Un viaggio insieme” e “Semplicemente un fiore”.

Dopo la seconda “Interferenza artistica” (Espressione con la quale gli organizzatori della rassegna musicale casalese definiscono l’intervento di un ospite durante la serata) di Danilo Grasso, è salita sul palcoscenico una formazione musicale di Casale Monferrato: Radioking che, con brani musicali appartenenti al genere Alternative Country, ha chiuso la prima serata. La band ultimamente sta lavorando in sala di registrazione per portare a compimento il loro secondo lavoro discografico dalla nascita della formazione. I componenti della band sono: Franco di Terlizi (Voce e chitarra acustica),Elio Lussu (Chitarra acustica),Francesco Ranna (Chitarra Elettrica),Alessandro Rota (Basso elettrico) e Giuliano Anoffo (Batteria). I brani da loro eseguiti sono stati: “Carverland”, “Pixies don’t lie”, “Ian Curtis”, “Ten Dollars in the tank”, “Take Care”, “Remedy” e “27”. Al termine della prima serata tutti i musicisti e gli ospiti che si sono esibiti sono saliti sul palcoscenico mentre la presentatrice, Selena Bricco, ha ringraziato il numeroso ed eterogeneo pubblico presente in sala, invitandolo alla seconda serata di Let’s Rock.

La seconda serata della rassegna musicale si è aperta con una sorpresa che ha destato lo stupore del pubblico presente al Salone Tartara. Il presentatore, Marco Bertoncini, con un voluminoso cappello di Babbo Natale è entrato in scena e, accolto dai numerosi applausi, si è cimentato nella lettura di una lettera indirizzata a Babbo Rock, ringraziandolo per avergli concesso di presentare, anche per quest’anno, una serata della rassegna musicale. Non poteva mancare sul palcoscenico Virginia Rabaglino, che ha avuto il compito di affiancare Marco durante le presentazioni degli artisti che si esibivano sul palco e di condurre le dirette nel backstage.

La prima formazione musicale ad esibirsi è composta da Giacomo Zanotto (Batteria),Giovanni Zanotto (Chitarra elettrica),Simone Murru (Voce solista) e Alessandro Buzzi (Basso Elettrico). Auge, questo è il nome della prima band che ha infuocato il palco della seconda serata della rassegna musicale. La band, che propone brani musicali rock, ha eseguito i seguenti brani musicali: “New Generation”, “I’m tired”, “Sweet Malincony”, “Caffè”, “A Platypus Mind” e “Cose scontate”. Recentemente la band ha lavorato in sala di registrazione per la creazione di un album ed è stata ospite di un’emittente radiofonica.

Dopo la loro performance musicale e la diretta dietro le quinte condotta da Bertoncini, le giovani ballerine della scuola di ballo Arabesque hanno proposto al pubblico presente in sala diverse coreografie studiate dall’insegnante Nadia Pisano.

Special Guest della serata i Public Welfare, una formazione musicale di Casale che, dopo trent’anni dal loro esordio nel panorama musicale monferrino dovuto alla vittoria del contest “Giovani in musica” del 1987, è tornata sul palcoscenico. La band, che propone un repertorio Pop-Rock, è composta da: Gianmario Bertinotti (Percussioni),Marco Ferrero (Batteria),Paolo Deregibus (Voce solista),Mauro Deregibus (Chitarra solista),Pierangelo Bassignana (Basso Elettrico) e Corrado Calvo (Tastiere).

Ottima anche l’esibizione musicale della band milanese Atlantic Tides composta da: Gabriele Donolato (Voce solista),Daniele Visconti (Batteria e Voce),Nicolò Paracchini (Chitarra) e Stefano Candelieri (Basso Elettrico). La formazione rock ha proposto come brani: “Hard Times”, “Cara”, “Drunk and high”, “Dust”, “Seven Stories”, “Lily of the valley” e “Silverleaf”.

Gli ultimi ad esibirsi sul palco di Let’s Rock sono stati i Towards Higher Connection, formazione composta da: Roberto Moretti (Batteria),Giorgio Roviglione (Chitarra),Gianluca Chiesa (Basso elettrico),Claudio Lavagno (Voce, percussioni) e Anita Costa (Tastiere). La band, che propone brani musicali Dub e Reggae, ha recentemente registrato un album: “Monferrato Dub Style”. La band ha aperto la sua esibizione con un omaggio al grande Enzo Jannacci, rivisitato secondo il genere musicale da loro proposto: “Tu no dub”. I brani da loro eseguiti durante la loro performance musicale sono: “Calma Piatta”, “SattaGun”, “Tu no Dub”, “Guns of Brixton” e Swing Easy.

Alla fine della serata, dopo un doveroso ringraziamento a Paolo Gabotto ed a tutti gli organizzatori della manifestazione musicale, i presentatori hanno ricordato le prossime date della rassegna musicale: venerdì 31 maggio e sabato 1 Aprile e venerdì 5 Maggio e Sabato 6 Maggio.

Per un problema tecnico non possiamo al momento pubblicare le fotografie della prima serata: cercheremo di recuperarle al più presto. Si ringrazia Giada Genovese, fotografa sella serata di Sabato 18 marzo. Un ringraziamento anche ad Elena Gasdi per la concessione di alcune fotografie.

Ricerca in corso...