Macabra scoperta in riva al Po: trovato un sacco con ossa umane

Il ritrovamento lunedì, nel tardo pomeriggio, in argine Malpensata. Indagini in corso per ricostruire l'inquietante vicenda

CASALE MONFERRATO

Macabra scoperta ieri pomeriggio, lunedì 28 gennaio, in argine Malpensata, su un isolotto sulla riva del fiume Po, nella zona che dalla Nuova Casale porta verso Frassineto, dove è stato rinvenuto un sacco dell'immondizia contente ossa umane. La scoperta è avvenuta grazia al cane di un giardinere 41enne che, durante la passeggiata, è tornato indietro con in bocca un osso: lo ha seguito e ha trovato il sacco con all'interno un teschio, denti bianchissimi, altre ossa corte e lunghe.

Immediatamente è scattato l'allarme, sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Casale Monferrato. Le ossa sono state refertate e poi trasferite all’obitorio dell’ospedale Santo Spirito. Sono a disposizione della magistratura. Del caso se ne sta occupando il Sostituto Procuratore Francesco Alvino della Procura di Vercelli, che probabilmente affiderà a un medico legale forense il compito di indagare su quelle ossa. L'ipotesi più probabile è che il sacco sia stato trascinato lì dalla corrente del fiume, ma saranno le indagini a ricostruire questa inquietante storia.

Ricerca in corso...