"Vogliamo tutelare la memoria di Paolo Ferraris, contro di noi atteggiamenti diffamatori e provocatori"

Nuovo intervento del Comitato PalaFerraris, anche a seguito del dibattito che si è sviluppato sui social sulla questione del naming

CASALE MONFERRATO

(Anna Musso e Alessandra Bozzo del Comitato PalaFerraris)

Il Comitato PalaFerraris interviene nuovamente sulla questione del “naming” del palazzetto dello sport, replicando anche al dibattito che si è sviluppato sui social, in particolare proprio sulla nostra pagina Facebook, a seguito della pubblicazione del precedente intervento.

“Com’era facilmente prevedibile – scrive il comitato PalaFerraris – il Consiglio Comunale non ha discusso la mozione in quanto posta come ultimo punto dell’ultima seduta dell’anno sul ritiro della delibera che autorizza l’utilizzo del naming commerciale PalaEnergica che oscura di fatto l’intitolazione a Paolo Ferraris”.

“Siamo ovviamente consapevoli che il Palazzetto non cambierà nome, poiché la reintitolazione prevede il passaggio obbligatorio e l’approvazione del Consiglio Comunale, tuttavia i “fatti” dimostrano che il nome è già oscurato, come evidenziato chiaramente nei media!”

“A seguito della diramazione del nostro ultimo Comunicato Stampa della settimana scorsa, sui social si è sviluppata una indegna polemica che ha svilito il dibattito e l’ha portato a un livello infimo, con l’accusa a nostro carico di “mentire consapevolmente”, espressa da esponenti di spicco”.

“Ci dissociamo da questi atteggiamenti diffamatori e provocatori che nulla hanno a che fare con una corretta amministrazione e un confronto civile”.

“Noi continueremo a mirare, con risolutezza, al nostro obiettivo che è quello di tutelare la memoria di Paolo Ferraris, colui che ha fortemente voluto l’edificazione del palazzetto e ha contribuito allo sviluppo della nostra città. Inoltre miriamo a valorizzare il ruolo di un’azienda partecipata del Comune che vorremmo investisse nell’economia sostenibile e fosse più vicina ai cittadini”.

“Nel contempo si vuole garantire la possibilità ad associazioni e società sportive del nostro territorio a fruire del PalaFerraris e delle altre strutture sportive ora e soprattutto in futuro!”

Ricerca in corso...