Un ordine del giorno per dire no al Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi in Piemonte

Presentato in diversi consigli comunali dei paesi del territorio

CERRINA

Un ordine del giorno è stato presentato nel Consiglio dell’Unione dei Comuni della Valcerrina dal consigliere Massimo Iaretti, a Villamiroglio dal consigliere Emiliano Racca (Progetto Villamiroglio MPP),a San Giorgio Monferrato dal consigliere Luigi Cabrino, a Morsasco dal consigliere Daniele Carbone (Progetto Morsasco nel Cuore) e a Cassano Spinola dal consigliere Annamaria Bergo (Lista civica Cassano e Gavazzana Insieme) relativo all’ipotesi di localizzazione dei siti piemontesi per la localizzazione del Deposito Nazionale per i Rifiuti Radioattivi.

“Le ragioni – spiega Massimo Iaretti, consigliere dell’Unione e presidente del Movimento Progetto Piemonte – sono quelle che abbiamo già espresso in un documento insieme ai Liberi Elettori Piemonte, a Noi per Cuccaro ed alle liste civiche – perché si andrebbe a creare un’ulteriore vulnus su un territorio, quello piemontese, che ha già sofferto molto sotto l’aspetto ambientale e, non dimentichiamolo, ha terreni a vocazione agricola che sono tra i più fertili d’Europa. La proposta di ordine del giorno vuole essere una base di discussione. Siamo disponibili ad integrarlo, modificarlo, variarlo, di fronte ad altre proposte o iniziative che stanno prendendo corpo nelle Istituzioni e sul territorio”.

Nel documento si chiede ai sindaci (e nel caso dell’Unione della Valcerrina al presidente) di attivarsi, anche di concerto con le amministrazioni comunali del territorio a richiedere alla Provincia di Alessandria, alla Regione Piemonte, ai parlamentari piemontesi di proporre a Governo e Sogin l’eliminazione di tutte le aree piemontesi e di ogni possibile sito in Piemonte, qualora non identificato attualmente, dalla proposta di Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee ad ospitare il Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi.

Ricerca in corso...