"Ripercussioni gravissime per Casale Monferrato dalla rimodulazione dell'orario della tratta Alessandria - Chivasso

Intervento del circolo cittadino del Partito Democratico. Intanto a partire da domani, 14 dicembre, saranno aggiunti due bus sulla Alessandria - Casale

CASALE MONFERRATO

Continua a far discutere la decisione di modificare gli orari della tratta ferroviaria Alessandria – Casale Monferrato – Chivasso con disagio per i pendolari, soprattutto gli studenti che dal capoluogo provinciale raggiungono gli istituti superiori di Casale e l'Alberghiero di Trino, costretti a partire prima e a rincasare dopo.

Oggi pomeriggio è stato comunicato che a partire da domani, martedì 14 dicembre, saranno aggiunti due servizi bus sulla tratta Alessandria-Casale.

I mezzi, messi a disposizione da Trenitalia su richiesta dell’Agenzia per la Mobilità, avranno questi orari: Alessandria 6.55 – Casale Monferrato 7.35; Casale Monferrato 13.15 – Alessandria 13.55.

I bus circoleranno nei giorni di scuola dal lunedì al sabato e partiranno e arriveranno nelle stazioni ferroviarie senza effettuare fermate intermedie. I bus sono utilizzabili con un titolo di viaggio valido sui servizi Trenitalia (biglietto o abbonamenti)

Sulla vicenda ha diffuso una nota anche il circolo cittadino del Partito Democratico: "La rimodulazione dell’orario e delle modalità sulla tratta ferroviaria Alessandria – Chivasso – con il taglio di alcune corse – rischia di avere ripercussioni gravissime per Casale”.

“Si tratta di un ulteriore indebolimento della città e del suo territorio in materia di trasporti, anticamera di un completo isolamento”.

“Le tempistiche operative e l’inadeguatezza delle soluzioni adottate da parte di chi ha operato queste scelte risultano inaccettabili e fortemente penalizzanti – per non dire “punitivi” – per i cittadini”.

“I più colpiti sono gli studenti degli istituti superiori di Casale e di Trino, che già in condizioni ordinarie affrontano tragitti disagevoli e spesso anche discutibili dal punto di vista della sicurezza, essendo costretti a vere e proprie odissee per raggiungere i propri luoghi di studio”.

“Il tema dei trasporti è stato a lungo ignorato e si sono sottovalutate le ricadute che esso ha sui piani economico e sociale; oggi, dopo le promesse disattese e - appunto - anni di difficoltà, questi tagli improvvisi sono una insopportabile beffa”.

“Si faccia tutto il possibile in sede istituzionale e tecnica perché le soluzioni che verranno adottate siano compatibili con le esigenze degli utenti e la sostenibilità delle scelte”.

“Si muova l’Amministrazione, riattivando quel percorso condiviso con istituzioni e tessuto associativo che aveva portato alla stipula di un protocollo per la riattivazione delle tratte Casale/Vercelli e Casale Mortara. Il tema del trasporto su ferro è decisivo e noi offriamo la nostra collaborazione per portarlo in una vertenza presso la Regione Piemonte, convinti che da qui passi la valorizzazione del territorio: se in altre città circolano addirittura i “treni storici”, noi non possiamo accettare che Casale e il Monferrato siano avviati silenziosamente verso l’isolamento."

Ricerca in corso...