"Quali sono i vantaggi della nuova viabilità di via Garibaldi e via Saletta?"

Intervento del segretario cittadino del Partito Democratico Johnny Zaffiro

CASALE MONFERRATO

Dal segretario cittadino del Partito Democratico Johnny Zaffiro riceviamo e pubblichiamo integralmente: "Quali sono i vantaggi della nuova viabilità di via Garibaldi e via Saletta? Fermo restando il fatto che non sono le novità urbanistiche a sollevare disappunto, ma ci chiediamo è stato fatto uno studio puntuale o questa scelta è improntata alla solita improvvisazione della giunta senza una minima idea di nuovo modello di mobilità e di rispetto verso le utenze più deboli?”

“Gli interventi urbanistici della giunta attingono ad un piano della viabilità vecchio di 25  anni!  La mobilita sta cambiando, non è accettabile lavorare come se fossimo nei primi anni Ottanta. La nuova mobilità deve essere leggera e innovativa, partendo proprio da un urbanistica che la accompagni, se proprio non riesce ad anticiparla”.

“Il caso di via Garibaldi è frutto di inconsistenza progettuale. Sistemare una via urbana del centro storico, ampia, senza considerare - una volta di più - la presenza di biciclette, nel 2021 è sia un danno che l'ennesima occasione mancata. Rinunciare poi ad un minimo abbellimento verde è una soluzione triste e penalizzante per la qualità della via e dei suoi negozi”.

“Tali criticità sono state sollevate da numerosi cittadini e commercianti, che non lamentano tanto la necessità di "fare due passi" in più rispetto a prima: per alcuni negozianti questa novità non è premiante perché non è equa nel distanziare le macchine delle attività commerciali; mentre altri cittadini lamentano il disinteresse della giunta per il capitolo imprescindibile del verde e dell'ambiente”.

“Mettendo insieme le rimostranze, come Partito Democratico rileviamo l'inadeguatezza dell'intervento rispetto al grande tema della valorizzazione del commercio di qualità del centro storico e della mobilità sostenibile: manca un piano strategico e la visione urbanistica futura. Allo stesso tempo manca una cornice di scopi da perseguire: cosa si vuole ottenere con queste misure?”

“Riduzione del traffico? Miglioramento  della visibilità e dell'accessibilità delle attività commerciali? Valorizzazione del patrimonio architettonico? O semplicemente riempire il tempo e le cronache social? Ecco, forse è da lì che occorre partire per giudicare le debolezze della politica della nostra amministrazione: dalla 'fragilità' della sua visione d'insieme e dalla sua modesta cultura ambientale e di sviluppo”.

Ricerca in corso...