"Pacifisti a corrente alternata: perché il Pd non si esprime sulle violenze in Val Susa?"

Intervento del segretario cittadino della Lega Mario Farè

CASALE MONFERRATO

Dal segretario della sezione cittadina Lega per Salvini Premier Mario Farè riceviamo e pubblichiamo integralmente questo intervento che è anche una risposta all'intervento del circolo cittadino del Partito Democratico pubblicato ieri sul nostro portale.

“Visto che ora in consiglio comunale ci occupiamo di vicende oltre confine comunale – scrive Farè – mi tocca intervenire sulle violenze in val Susa ad opera dei centri sociali, mano violenta della sinistra, in questo caso occorre una posizione ferma e chiara del capogruppo PD casalese, Gioanola, sulle violenze gratuite perpetuate contro maestranze e forze dell’ordine”.

“Non è concepibile che un partito come il Pd continui a tollerare certi comportamenti o far finta di niente se le violenze sono di matrice sinistroide, e fare i pacifisti ed antiviolenti se un esponente della Lega per difendersi da una aggressione reagisce”.

“Giudicare le responsabilità personali esiste un potere giudicante perciò ritengo che sia l’organo stabilito operare in tal senso”.

“Per quanto riguarda le assenze i consiglio, visto e considerato che l’equilibrio di bilancio è passato nonostante la minoranza (PD e Ritrovare Casale) perché uscita dall'aula su opere riguardanti al miglioramento del decoro cittadino, viabilità ed alla promozione turistica (manifestazioni) della nostra città sarà la stessa giustificarsi e motivare la loro assenza in aula con i casalesi”.

Ricerca in corso...