'Molto soddisfatto dell'incontro con i sindaci sulla lotta alle zanzare'

Intervento del capogruppo della Lega in consiglio comunale Alberto Drera: 'Il 2021 sarà importante per portare avanti le indicazioni dei territori'

CASALE MONFERRATO

Da Alberto Drera, capogruppo della Lega in consiglio comunale e consigliere delegato alla lotta alle zanzare, riceviamo e pubblichiamo integralmente questo intervento: “Sono molto soddisfatto – scrvie Drera – dell’incontro di lunedì sul progetto di lotta alle zanzare. Alla riunione hanno partecipato una cinquantina di Sindaci che hanno preso parte alla discussione con molti interventi interessanti. Mi sento di ringraziarli personalmente per l’ampia partecipazione che è significativa perché fa emergere l’interesse diffuso per questo argomento”.

“Abbiamo concordato con loro le linee guida da seguire per rivitalizzare questo progetto, renderlo più attuale e offrire nuovi stimoli alla lotta alle zanzare: in questo senso il 2021 sarà importante per portare avanti le indicazioni dei territori”.

“Innanzitutto, sarà fondamentale cercare di ottenere uno stanziamento pluriennale dei fondi che consenta ad IPLA – che ringrazio per la partecipazione e l’impegno che ha dimostrato in questi anni – di programmare gli interventi e di agire in modo ancora più ottimale. Sarà importante proseguire nel dialogo con gli assessorati regionali per continuare a coinvolgere i più interessati da questo progetto”.

“Nel corso di questi mesi ho iniziato a dialogare con l’assessorato alla sanità, all’ambiente e all’agricoltura. Da tutti loro ho ricevuto risposte confortanti: in questa battaglia l’impegno dell’assessorato all’agricoltura - che nella figura dell’assessore Protopapa si è reso molto disponibile - ci conforta. Questa è una lotta che deve essere affrontata a più livelli e la partecipazione deve essere massima. Sarà altresì rilevante il coinvolgimento degli agricoltori per concordare con loro nuove strategie di intervento in risaia per attenuare il problema”.

“Stiamo inoltre valutando soluzioni complementari innovative come l’utilizzo dei droni in aree particolari che possono svolgere la funzione di monitoraggio dei focolai larvali oltre che di distribuzione di formulati larvicidi. In quest’ottica sto intrattenendo rapporti con il Comune di Comacchio - che utilizza i droni per la lotta alle zanzare - per analizzare l’efficacia e l’efficienza degli stessi”.

“Un altro aspetto rilevante su cui lavorare sarà l’estensione del progetto a Comuni che prima non partecipavano e ad altri comuni del vercellese e del pavese così da creare un’area territoriale più vasta e far in modo che gli interventi siano più efficaci e che non ci siano zone franche all’interno del territorio trattato”.

“Questa è una sfida tanto difficile quanto importante per il nostro territorio perché è una problematica che comprende più aspetti: sanitario e turistico. Sanitario perché in estate si sono riscontrati episodi di febbre del Nilo che non possono lasciarci indifferenti e turistico perché gli investimenti da parte del territorio sotto questo profilo sono sempre più consistenti ma se non riuscissimo ad attenuare l’impatto delle zanzare rischierebbero di diventare vani”.

“Come ho detto lunedì questa sarà una battaglia fondamentale e quindi l’apporto del territorio e la condivisione della progettualità saranno importanti. Dovremo continuare ad essere un territorio unito e coeso per raggiungere insieme obiettivi concreti e per avere ‘’maggiore forza contrattuale’’ nei confronti dei nostri interlocutori sia a livello regionale che ministeriale. Insieme dovremo affrontare questa battaglia con tutte le forze a nostra disposizione per consentire uno sviluppo florido di tutto il territorio”.

Ricerca in corso...