La Lega: il 'valore aggiunto' per portare Federico Riboldi alla vittoria

Il Carroccio ha presentato la lista dei 24 candidati al consiglio comunale. Duplice l'obiettivo: eleggere il sindaco al primo turno e diventare il primo partito cittadino

CASALE MONFERRATO

(La presentazione della lista della Lega nella sede elettorale di via Roma 120)

La Lega si presenta alle elezioni con un doppio, ambizioso, obiettivo: portare alla vittoria Federico Riboldi – il candidato della coalizione di centro destra, che comprende anche Forza Italia, Fratelli d'Italia e lista civica Difesa e Ripresa – e diventare il primo partito di Casale Monferrato. Un  traguardo raggiungibile, sulla scia di sondaggi ampiamente favorevoli a livello nazionale, e con la possibilità di mettere sul piatto della bilancia ciò che nessun partito locale può permettersi: tre parlamentari di maggioranza e un filo diretto con il governo, grazie anche alla presenza di un 'pezzo da novanta' come Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera.

Per questo la Lega si propone come il motore e il valore aggiunto che può dare la vittoria a Federico Riboldi già al primo turno, evitando il sempre insidioso ballottaggio, circostanza che nella storia di Casale si è verificata una sola volta.

(Il segretario cittadino Mario Farè)

A presentare la lista dei candidati al consiglio comunale (l'elenco completo lo trovate in fondo) ci pensa il segretario cittadino Mario Farè: “Sono ventiquattro persone prese dalla società civile, per una rappresentanza eterogenea in cui ci sono tutte le professionalità e tutti i quartieri. Anzi, invito i cittadini a individuare il rappresentante del proprio quartiere e fare riferimento a lui”.

(Emanuele Capra e Federico Riboldi: un'amicizia che dura da tempo)

Emanuele Capra, capogruppo nella consiliatura appena terminata e candidato come vicesindaco dell'amico Riboldi: “La nostra è un'alleanza che nasce dall'amicizia, vogliamo evitare coalizioni messe insieme solo per vincere le elezioni e che poi litigano su tutto. 'Casale in testa' non è solo uno slogan, ma descrive precisamente il nostro pensiero e il nostro modo di agire, caratterizza le nostre giornate, come può constatare chi partecipa ai nostri incontri. Riboldi è giovane e può garantire un mandato decennale, indispensabile per un progetto di lungo respiro”.

(Il candidato sindaco del centro destra e della lista civica Difesa e Ripresa Federico Riboldi)

Ed ecco l'intervento di Federico Riboldi, candidato sindaco: “Il nostro 'puzzle' (chiara la frecciatina allo slogan del candidato del centro sinistra Luca Gioanola – ndr) abbiamo iniziato a comporlo mesi fa. Vogliamo una città pulita, sviluppo economico, Torino che sia più matrigna e non chiuda un reparto dell'ospedale al giorno. Non spenderemo milioni di euro per opere inutili come la scuola trasferita al Cova Adaglio o realizzate a macchia di leopardo, per accontentare le varie correnti, ma senza risolvere sostanzialmente nulla. Anche noi abbiamo sensibilità diverse, ma garantiamo cinque anni di governabilità: arrestare il degrado, insediare ogni anno una nuova azienda in città. È il nostro programma e lo renderemo operativo già dal 27 maggio”.

(Il deputato Lino Pettazzi)

Per il parlamentare locale (e sindaco di Fubine) Lino Pettazzi: “Questo territorio non ha niente da invidiare alle Langhe, ma finora non è mai stato unito per valorizzarsi. La Lega, con la sua presenza al governo, vuole valorizzare il territorio e vuole dare un valore aggiunto a questo candidato sindaco, Federico Riboldi, che è una persona speciale: quando gli telefoni ti risponde sempre, se gli chiedi un appuntamento te lo concede subito”.

(Il capogruppo della Lega alla Camera Riccardo Molinari)

In conclusione l'intervento di Riccardo Molinari, capogruppo del Carroccio alla Camera dei Deputati: “Perché votare Lega? Perché abbiamo dimostrato in questi mesi cos'è la buona amministrazione, non solo a livello locale ma, soprattutto, al governo. Due gli obiettivi realizzati. Innanzitutto la lotta all'immigrazione clandestina. Siamo stati i primi a dire che un'immigrazione incontrollata è un problema, e non perché siamo razzisti o xenofobi come dice la sinistra, ma per evitare conflitti sociali e guerre tra gli ultimi. Solo il 5% dei migranti giunti in Italia fugge da guerre, gli altri sono migranti economici. Questo problema lo abbiamo risolto al 95% e abbiamo smontato il business dell'accoglienza. E poi abbiamo aggredito la riforma Fornero, smontandola per ragione di giustizia: quota cento è solo il primo passo. Con tre parlamentari locali possiamo garantire un filo diretto con Roma e questo dà un ulteriore valore aggiunto alla bontà del candidato Federico Riboldi, su cui non abbiamo mai avuto dubbi. L'obiettivo è vincere al primo turno: il 27 maggio vogliamo ritrovarci con la Lega primo partito in città a celebrare Federico Riboldi sindaco di Casale Monferrato. E subito dopo metterci a realizzare il programma”.

(La consueta foto di gruppo dei candidati della Lega presenti alla presentazione)

LA LISTA DEI CANDIDATI DELLA LEGA ALLE ELEZIONI DEL 26 MAGGIO 2019

 

  1. Emanuele Capra

  2. Tiziano Allera

  3. Fabrizio Amatelli

  4. Mariano Amilcarelli

  5. Piergiorgio Andreone

  6. Jacopo Barbieri

  7. Claudio Battaggia

  8. Ettore Bellingeri

  9. Dario Biginelli

  10. Elisa Cibau

  11. Laura Costanzo

  12. Sonia Degiovanni

  13. Alberto Drera

  14. Veronica Durante

  15. Mario Farè

  16. Stefano Fava

  17. Giovanni Battista Filiberti

  18. Gigliola Fracchia

  19. Gianmario Gilardini

  20. Maria Teresa Lombardi

  21. Carlo Marangon

  22. Andrea Molinaro

  23. Gianna Sassone

  24. Mariella Travaglini

Ricerca in corso...