'Chiarimenti e indicazioni sulla Tari'

Intervento di Tiziano Allera e Monica Mellina consiglieri comunali e, rispettivamente, presidente e vicepresidente della II’ Commissione Consiliare

CASALE MONFERRATO

Da Tiziano Allera e Monica Mellina consiglieri comunali e, rispettivamente, presidente e vicepresidente della II’ Commissione Consiliare (il primo della Lega, la seconda di Fratelli d'Italia) riceviamo e pubblichiamo integralmente queste indicazioni e chiarimenti sulla Tari.

“In questi giorni a Casale Monferrato – scrivano Allera e Mellina – sui vari social si parla molto di un insolito argomento: la TARI. La tassa rifiuti del Comune di Casale Monferrato è oggetto di discussione per le differenze, per taluni considerate “consistenti”, rispetto allo scorso anno”.

“La discussione si concentra sulle utenze “domestiche”, per quanto riguarda la TARI per le utenze non domestiche il discorso è completamente diverso: a causa dell’emergenza Covid-19 e l’intervento del Comune gli importi sono mediamente inferiori agli anni precedenti (per gli imprenditori che hanno dovuto sospendere l’attività in forza di provvedimenti governativi e/o regionali)”.

“Poiché il gettito TARI deve essere pari alla copertura dei costi totali, la situazione per l’anno 2020 è la seguente: costi totali presi a riferimento 6.975.149,45 euro, di cui il 62% per utenze domestiche ed il 38% per utenze non domestiche”.

“L’importo totale di gettito per le utenze domestiche è quindi pari a 4.324.592,66 euro, a sua voltasuddiviso tra “gettito fisso domestico” e “gettito variabile domestico”. La tariffa, infatti, è composta dalle due parti (“parte fissa” e “parte variabile”, dove si tiene conto della metratura e dei componenti del nucleo famigliare)”.

“La differenza rispetto all’anno preso come riferimento è pari al 3,5042% (gettito 6.739.001,47 euro),ma bisogna però fare delle precisazioni, per chiarire ciò che può aver creato confusione tra i contribuenti”.

“Innanzitutto la diversa suddivisione delle rate rispetto allo scorso anno: dalle due rate scadenti nei mesi di maggio e novembre, siamo passati alle 3 rate di acconto, scadenti i mesi di settembre, ottobre e novembre (calcolate applicando il 75% dell’imposta pagata l’anno precedente)”.

“La rata di saldo (totale dovuto al netto degli acconti versati),scadrà il prossimo 16 dicembre. Abbiamo quindi un totale di 4 rate rispetto alle 2 degli anni precedenti”.

“La diversa suddivisione delle rate è dovuta alla nuova modalità di calcolo, obbligatoria dal 2020, e basata su tariffe calcolate da Arera (Autorità di regolazione dell'energia e dell'ambiente),con modalità pressoché identiche in tutta Italia ed utilizzando un nuovo metodo di calcolo, differente rispetto agli anni precedenti. Un ulteriore cambiamento è dato dalla differente modalità di calcolo sulle utenze domestiche, dove sono state modificate le due variabili oggetto di calcolo: il numero degli occupanti e la metratura”.

“Poiché i costi devono essere integralmente coperti dagli utenti può esservi una differenza tra soggetti con ampie metrature rispetto al numero di occupanti”.

“Tutte le modifiche sopraindicate hanno comportato sia un aumento (contenuto) delle tariffe, sia delle differenze tra gli utenti, positive per alcuni e negative per altri”.

“Tutti i dati sopraindicati sono consultabili sul sito del Comune di Casale Monferrato, nell’area dedicata 'Tari – Tassa sui Rifiuti', oppure, in caso di dubbi sulla correttezza dei calcoli effettuati, contattando l’Ufficio Tasse e Tributi al numero 0142 444276 oppure all’indirizzo e-mail tributi@comune.casale-monferrato.al.it . Ricordando sempre che ogni variazione intervenuta nell’anno deve essere comunicata ai competenti Uffici Comunali”.

Ricerca in corso...