'A Natale altro che regali! Dall’amministrazione contraddizioni e scelte spericolate'

Intervento del circolo e del gruppo consiliare del Partito Democratico di Casale Monferrato

CASALE MONFERRATO

Dal Gruppo Consiliare del Partito Democratico di Casale Monferrato riceviamo e pubblichiamo integralmente: “Nella seduta del Consiglio Comunale prenatalizio l'Amministrazione Riboldi ha confermato per il secondo anno consecutivo le stesse aliquote IMU che prima, come minoranza, contestava duramente alla precedente amministrazione, perché ritenute troppo alte! Ma allora, soprattutto in questo periodo così difficile per i cittadini, non avrebbe dovuto coerentemente ridurle? Se non ora, quando? Oltretutto dopo che è stata aumentata la TARI e, come abbiamo già evidenziato in altri interventi, l'Amministrazione ha deciso di non aggiungere ai trasferimenti ricevuti dallo Stato altri fondi per aiutare le attività e i privati cittadini, pur avendone la possibilità”.

“Nella seduta abbiamo dibattuto delle aziende partecipate, una considerazione particolare va fatta su COSMO, la gestione dei rifiuti è uno dei temi dove stiamo maggiormente registrando il limite dell'Amministrazione e delle sue scelte. Bisogna recuperare il ritardo di questo anno e mezzo e dare risposte adeguate evitando sia di fare niente sia di fare disastri, con scelte dannose per i cittadini dai punti di vista ambientale, occupazionale, economico e di tutela della salute”.

“E proprio ieri abbiamo appreso che si vorrebbe realizzare un inceneritore in località Bazzani, a Roncaglia, perché di questo si tratta, avendo una camera di incenerimento, un sistema di scarico ceneri e un camino di evacuazione dei fumi (anche se in modo gentile il Presidente di COSMO e l'Amministrazione lo hanno chiamato impianto TMV di termovalorizzazione)”.

“Da evidenziare inoltre che una società così importante e che deve assumere scelte decisive come COSMO è rimasta dall'insediamento dell'Amministrazione Riboldi sprovvista del direttore, una figura centrale, e ora si è buttata ancora una volta la palla avanti senza assumere una decisione strategica per l'azienda”.

“Si è poi tornati ad approvare il piano delle alienazioni, e Roncaglia, se da una parte si trova la proposta di ospitare un inceneritore dall'altra si vede il locale della ex scuola posto tra gli immobili che il Comune ha deciso di mettere in vendita”.

“Certamente a chiudere una struttura e metterla in vendita si fa in fretta in un momento così difficile. Più impegnativo sarebbe stato pensare (con una reale partecipazione dei cittadini) a strade alternative per ripartire dopo il COVID, valorizzando questa struttura e non accompagnando l'impoverimento e lo spopolamento della periferia”.

“In questo anno e mezzo l'Amministrazione ha esaltato mediaticamente l'ordinario dimostrando però nelle decisioni amministrative, dove è chiamata a operare, approssimazione e impreparazione”.

“Cogliamo l'occasione per fare i migliori auguri di Buon Natale e Buon Anno.

Un abbraccio virtuale a tutti i cittadini”.

Ricerca in corso...