'A Casale Monferrato nascerà il Cem ed usciremo dal passato'

Il progetto di Johnny Zaffiro, candidato sindaco della lista civica Casale Bene Comune

CASALE MONFERRATO

Johnny Zaffiro, candidato sindaco di CasaleBeneComune, ha una particolare attenzione per i settori dell’energia e della mobilità, con una sola direzione: la sostenibilità. “Il programma della mia lista – spiega Zaffiro –segna a tutti gli effetti un cambio di passo, perché di sciocchezze sull’affidabilità e l’opportunità delle energie rinnovabili e della mobilità elettrica non ne possiamo più”.

La parte più innovativa del programma è infatti quella in cui si parla di un nuovo concetto di gestione della risorsa energetica: “Noi – prosegue Zaffiro – puntiamo alla creazione della Comunità Energetica del Monferrato (Cem),un sistema di condivisione dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. Non solo, dunque, impianti su singole utenze, bensì utenze collegate alla medesima centrale rinnovabile, avendo come obiettivo l’autosufficienza energetica, l’efficientamento energetico, la riduzione dei costi delle bollette e d il miglioramento della qualità dell’aria”.

CasaleBeneComune ha nella propria lista le giuste competenze per sviluppare questo ambizioso progetto, a cominciare da Luca Montagnini, imprenditore attivo da anni a Casale proprio in questo settore.

“Sarà importante – spiegano Zaffiro e Montagnini - coinvolgere l’azienda municipalizzata AMC e Cosmo per creare un gruppo di lavoro e una sinergia per sviluppare la rete e ottenere benefici tangibili nel breve e nel lungo periodo”.

Come arrivare a questo risultato? “Innanzitutto – spiega Zaffiro – possiamo essere orgogliosi del fatto che la Regione Piemonte è la prima a livello nazionale ad attuare l’innovativo concetto di Comunità Energetica, ed è il Piemonte che sta di fatto spronando anche altre regioni, tra le quali la Lombardia. La Regione Piemonte, ad oggi, si è impegnata a sostenere economicamente la creazione delle nuove Comunità Energetiche, per dar vita alle quali non verranno usati fondi comunali. Naturalmente, le scelte politiche future avranno un peso, come lo hanno tutte le scelte elettorali. Quindi sta a noi e a voi indicare le priorità…”

Oltre a questo, CasaleBeneComune sosterrà e incentiverà senza mezzi termini le energie rinnovabili: i sistemi di accumulo, le pompe di calore, l’energia solare, la mobilità elettrica: “Questo è davvero un tema strategico – sottolinea Zaffiro – che richiede anche la stipula di accordi specifici a tassi agevolati per utenze residenziali, condominiali e facilitazioni nell’accesso al credito presso istituiti bancari per le aziende del territorio non solo di Casale ma dell’area Monferrato”.

Altro cardine della ripartenza di Casale sarà la mobilità: “Al centro ci sarà la nuova veste di Piazza Venezia, con un parcheggio multipiano, porta d’ingresso al centro storico. La trovata dell’inversione del senso di marcia di via Lanza è davvero poco interessante e per nulla risolutiva del traffico. Una mobilità convertita gradatamente all’elettrico e un sistema di bike sharing diventeranno la normalità e non più il “tanto da noi non può funzionare. Grazie a CasaleBeneComune abbiamo riottenuto la Casale – Mortara, riavremo la Casale – Vercelli, certo non ci spaventano i rinunciatari e i conservatori…”

I vantaggi sono enormi, conclude Johnny Zaffiro: “La diffusione delle energie “green” consentirà al Monferrato, non solo a Casale, di fare passi da gigante dal punto di vista della vivibilità, della visibilità e della vitalità economica e culturale. Possiamo dire che rappresenterebbe l’apertura al futuro e un impegno concreto verso le nuove generazioni”. 

Ricerca in corso...