Giornata no per la Canottieri

Sconfitta l'A1 femminile in casa con Parioli e la A2 maschile a Borgaro

CASALE MONFERRATO

Domenica no per le squadre della Canottieri Casale. Nell’andata dei play-out di A1 giocata sul campo centrale, il team di Giulia Gabba è stato sconfitto con un sonoro 4-0 dal Tennis Club Parioli, riducendo al minimo le possibilità di rimanere nella massima serie anche per il 2019.

In campo Stefania Rubini (2.1) e Tena Lukas (2.2). La bolognese del team monferrino va sotto di un break ma rimonta e fa sentire la voce grossa, rispondendo colpo su colpo alla regolarità della tennista croata. Primo set in cascina: 6-3. La vittoria del parziale fa ben sperare i tanti tifosi oro-rossi sulle tribune. Sul 2-2 del secondo set, risentimento alla coscia sinistra per la tennista felsinea, che subisce la rimonta e il sorpasso della romana (6-2). L’infortunio sembra incidere sul gioco della Rubini che concede il terzo e decisivo set per 6-3.

Deborah Chiesa (1.8) è opposta alla numero uno pariolina, Martina Di Giuseppe (2.1). La giocatrice ospite sembra variare molto di più la tattica partita e la trentina della ‘Cano’è in difficoltà. Primo set Di Giuseppe 6-4. Smorzata e pallonetto, insieme  alla risposta aggressiva al servizio della Chiesa sembrano efficaci. Nel secondo parziale un break fa la differenza ma Deborah sembra reagire: sul 4-3 e servizio, due giochi consecutivi (6-4) consegnano alla formazione laziale il secondo punto della giornata.

Tutte le speranze sono riposte nell’incontro di Enola Chiesa (2.3) contro Nastassja Burnett (2.2). Il set d’apertura sembra dare fiducia alla valenzana, che tiene testa alla laziale. Burnett aggredisce nei momenti decisivi e fa suo il parziale 6-4. Enola rimane a galla fino al 2-2, quando l’atleta romana alza l’asticella del suo gioco. Il match si chiude 6-2.

Nel doppio, Enola e Andreea Mitu contro Di Giuseppe e Burnett: 6-4, 6-0 per il Parioli. Poker romano a Casale e sabato 1° dicembre il ritorno. Poche chances (e tanti rammarichi) per le monferrine di ribaltare lo score. La testa è già proiettata  al 2019.

In A2, sui campi dello Sporting Borgaro, capitan Marco Bella (2.4),con un duplice 6-1, sconfigge Alberto Sibona, pari classifica. Sul campo a fianco, Gregorio Biondolillo (2.4) se la vede con Matteo Marangoni (2.4): il primo set porta la firma torinese (7-5),ma Greg si aggiudica il secondo per 6-4.

L’ago della bilancia è dalla parte casalese: Biondolillo scappa sul 4-2, ma i crampi danno problemi al giovane di scuola ‘Cano’. Marangoni si aggiudica l’incontro con il 6-4 finale. Andrea Collarini (1.16) vince la sfida tra numeri uno dei singolari contro Luca Tomasetto (2.4): 6-2, 6-3 il punteggio in favore dell’italo-argentino.

Lorenzo Reale (2.5) deve alzare bandiera bianca contro Tommaso Lago (2.4) per 6-1, 6-3. Tutto rimandato ai doppi. Tomasetto e Sibona si aggiudicano il match 7-5, 6-7, 10/5 contro Bella e Demichelis, mentre Collarini e Reale vanno ko anche loro (7-6, 2-6, 10/8) contro Marangoni e Lago, dopo essere stati avanti 7-3, nel decisivo long tie break.

La speranza era quella di arrivare al doppio di spareggio ma, questi ragazzi hanno chiuso un campionato in crescendo. In finale play-off va Borgaro.

Ricerca in corso...