A Vignale Monferrato alla scoperta dei vini dell'azienda Gaudio

La nostra rubrica Monferrato Wine, a cura di Renzo Besso, ci porta a conoscere una tradizione famigliare che dura da 70 anni

VIGNALE MONFERRATO

Oggi ci troviamo a Vignale, nel cuore delle colline del Monferrato, presso l’azienda Gaudio, dalla quale in una giornata di sole splendente e limpida come questa, si riesce ad apprezzare tutta la bellezza della catena delle Alpi che ci circonda, dal Monviso, al Monte rosa per poi arrivare al Cervino.

L’Azienda Gaudio nasce a conduzione familiare dal 1950, quando il nonno Amilcare, capostipite, dopo anni di viaggi a osservare e carpire come funziona il mondo del lavoro all’estero, collabora con il resto dei fratelli e con altre cantine, ma poi decide di realizzare un suo sogno, e cioè una cantina tutta sua, la più funzionale possibile ed accogliente, per cominciare il progetto portato avanti poi dal figlio Mauro.

Mio conoscente e compagno di tante degustazioni, si porta un bagaglio molto importante in quanto già laureato in ingegneria chimica, con una grande preparazione e intuizione capisce che il terreno e l’esposizione sono indispensabili per la produzione di determinati vini e avvia un processo di acquisizione dei terreni più adatti alla produzione dei suoi vini.

I vigneti di Gaudio si estendono per circa 18 ettari, e si snodano su colline disposte in posizioni elevate, sempre molto ben esposte ai raggi del sole. Il terreno di queste zone infatti sono principalmente caratterizzati dalla presenza di calcare e da sedimenti marini, ricchi di resti di conchiglie fossili.

Tra i filari si coltivano i vitigni classici del territorio, come Grignolino, Barbera, Freisa, Cortese e Malvasia di Casorzo. Ogni operazione, sia in vigna che in cantina, mira a ottenere uve sane e mature, in pieno rispetto delle leggi della natura.

Ad accoglierci in una splendida sala degustazione c’è Beatrice, una delle due figlie di Mauro e Gabriella, laureata in master in scienze vitivinicole ed enologiche, una delle persone giovani più preparate che io abbia mai conosciuto, quindi con cui si possa affrontare un discorso sul vino in maniera costruttiva.

Si commuove più volte mentre parla della sua famiglia, del nonno, del percorso fatto tutti uniti familiarmente con un unico scopo di mantenere e portare avanti una tradizione di 70 anni di storia del vino e del marchio Gaudio.

Continuamente alla ricerca della perfezione dei suoi vini, enologa, vignaiola e commerciale dell’ azienda, ci presenta le sue “creature”.

Monferrato bianco doc L'amor cortese 2018

Da uve cortese 100%. Giallo paglierino vivo, naso giocato sulla freschezza e sulla fragranza, floreale, molto piacevole, ravvivato dau una leggerissima vena di anidride carbonica. Aperitivo.

Grignolino Monferrato Casalese doc 2018

Da vari appezzamenti, ogni parcella viene vinificata separatamente a seconda delle caratteristiche del terreno. Rubino scarico , naso di piccola frutta rossa con spezie in evidenza, nuances vegetali; orientaleggiante. Antipasti alla piemontese

Grignolino Monferrato Casalese doc Bricco Mondalino 2015

La macerazione sulle bucce per il Bricco Mondalino è passata dagli 8/10 gg ai 21 giorni, questo per avere maggiore estrazione; il vino continua a non essere affinato in legno. E' un vino importante sin dal colore rubino carico; naso da confettura di frutti di bosco, fragole macerate, ciliegie sotto spirito e spezie. Bocca imponente con tannino ed alcool in evidenza, non è il classico grignolino che ci si aspetterebbe ma un vino di struttura e corpo maggiori, un'altra dimensione. Carni rosse, cacciagione.

Ricerca in corso...