FARMACIE CASALE MONFERRATO

  • Di turno oggi
  • Farmacia Bodo

    Piazza Castello, 6 - Telefono: 0142 452424

    Visualizza mappa

Prima Pagina

Caso Adinolfi, parla l'associazione Tessere le identità: 'Da parte nostra mai un incitamento a disordini e provocazioni'

CASALE MONFERRATO  L'associazione 'Tessere le identità' ha diffuso questo comunicato stampa di precisazione sul 'caso' Adinolfi, il blogger che avrebbe dovuto tenere tre incontri (due nelle scuole, uno in serata aperto al pubblici), organizzati dal Movimento per la Vita per la presentazione del suo libro 'Voglio la mamma'. Gli incontri erano stati poi annullati dallo stesso Movimento per la Vita adducendo, secondo un comunicato postato su facebook “il rischio di disordini”: da qui sono nate una serie di polemiche, su internet e sui giornali locali. Ora 'Tessere le identità', associazione che tutela e promuove i diritti delle persone LGBTQI (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender/Transessuali, Queer e Intersessuali) interviene per puntualizzare la propria posizione. “Abbiamo appreso in questi giorni – scrivono – con non poco stupore e disappunto, che il Movimento per la Vita di Casale sostiene pubblicamente di aver annullato gli incontri con il giornalista e blogger Mario Adinolfi, inizialmente previsti in data martedì 28 ottobre 2014, per “il timore di possibili disordini, tafferugli e provocazioni da parte dell'arcigay che attraverso i propri blog si stava organizzando per intervenire a Casale”. Ci chiediamo di quale Arcigay parli il Movimento per la Vita di Casale, dal momento che sul territorio della provincia di Alessandria non esiste alcuna sede locale di Arcigay. L'unica associazione presente sul territorio alessandrino che si occupa della tutela e della promozione dei diritti delle persone LGBTQI (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender/Transessuali, Queer e Intersessuali) siamo noi di Tessere Le Identità, un'Associazione di Promozione Sociale legalmente riconosciuta, nata all'interno della Casa di Quartiere di Alessandria, struttura della Comunità di San Benedetto al Porto di Don Andrea Gallo”.

[Continua a leggere]

I vialetti dei cimiteri di Popolo e San Germano pronti per le commemorazioni dei Santi

CASALE MONFERRATO  «Come promesso ai cittadini delle due frazioni, i vialetti dei cimiteri di Popolo e San Germano saranno pronti per le commemorazioni del 2 novembre: un ottimo risultato, per il quale ringrazio l'Amc, che è riuscita a realizzare i lavori in tempo per la sentita ricorrenza della festività dei defunti». Con queste parole il sindaco Titti Palazzetti ha commentato la notizia giunta nei giorni scorsi dall'Amc (l'Azienda Multiservizi Casalese) in cui si annunciava il termine dei lavori nei due cimiteri cittadini.

[Continua a leggere]

Danze macabre per Halloween con il Quartetto della Femminile

CASALE MONFERRATO  Molto prima che il mondo inventasse Halloween e Simonetti conoscesse Dario Argento la musica aveva già scoperto la sua capacità “horror”. Certo molto aveva contribuito il romanticismo con la sua propensione alle storie gotiche e ai colpi di teatro (si veda il saggio della casalese Elisabetta Fava su Ondine, Vampiri e Cavalieri… per EDT), ma già nel primo teatro musicale di Monteverdi si era capito quanto la musica potesse amplificare situazioni drammatiche fino a fare provare dei veri brividi negli spettatori. Si è creato così un vero e proprio linguaggio musicale “da paura” che è arrivato fino a noi e che oggi è ampiamente sfruttato dal cinema.

[Continua a leggere]

Un '41' sulle recinzioni dell'ex Eternit: l'omaggio degli studenti di Vercelli alle vittime dell'amianto

CASALE MONFERRATO  Un numero, il 41, appeso sulle recinzioni che delimitano il sito su cui sorgeva l'Eternit. Sopra ci sono scritti i nomi di tutte le vittime dell'amianto a Casale Monferrato, provocate dalla fabbrica della morte. Non è un numero scelto a caso, ovviamente: il 41 è l'articolo della Costituzione che sancisce che qualunque attività economica non può mai essere in contrasto con l'utilità sociale né può recare danno alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana. È questo l'omaggio che gli studenti di Vercelli hanno reso oggi alle vittime dell'amianto, al termine di una mattinata trascorsa prima in un incontro con gli esponenti Afeva presso l'oratorio del Duomo e conclusa con questo omaggio simbolico, ma di grande significato e impatto emotivo. Pubblichiamo un'ampia photogallery della cerimonia.

[Continua a leggere]