Meet the Meeting torna il 23 maggio in versione digitale

Il Centro Culturale Alberto Gai invita tutti a collegarsi all’evento

CASALE MONFERRATO

Ritorna Meet the Meeting, l’evento di raccolta fondi e di anticipazione dei contenuti del Meeting di Rimini che nel 2019 si è svolto in 40 piazze di tutt’Italia e che quest’anno si presenta in forma inedita: si terrà sabato 23 maggio alle ore 18.30 sulla pagina Facebook e sul canale Youtube del Meeting (su Youtube anche con traduzione simultanea in inglese) e sarà l’occasione per entrare nelle parole chiave del Meeting 2020, in collegamento con ospiti, relatori, artisti che vedremo all’opera nella prossima edizione e con contributi che verranno da varie città italiane. A Casale l’evento è supportato dal Centro Culturale Alberto Gai e anche il sindaco Federico Riboldi, insieme al Presidente del Consiglio Comunale Fiorenzo Pivetta, ha invitato con un video tutti i concittadini a partecipare alla presentazione online di sabato 23.

Ecco i protagonisti: la conduttrice sarà Elisabetta Soglio, direttrice di Buone Notizie, inserto settimanale del Corriere della Sera dedicato al mondo del Terzo settore e dell’economia sociale. A presentare le parole chiave e anticipare alcuni contenuti del Meeting 2020 special edition sarà il Presidente della Fondazione Meeting Bernhard Scholz. Con lui dialogheranno protagonisti dell’edizione 2020 tra cui Stefano Zamagni, professore ordinario di Economia politica all’Università di Bologna e presidente della Pontificia Accademia delle Scienze sociali e lo scrittore Luca Doninelli. Atteso il contributo del regista e attore Giovanni Scifoni, lo scorso anno al Meeting con i suoi “Santi” e altri racconti, che commenterà nel suo stile il titolo del Meeting 2020 “Privi di meraviglia, restiamo sordi al sublime”.

Saranno, insomma, tantissime le sorprese e le anticipazioni della special edition del Meeting 2020, tra cui un breve saggio musicale offerto dall’International Musical Friendship Orchestrakademie, un collettivo che unisce giovanissimi concertisti provenienti da Germania, Polonia, Russia, Lettonia, Austria e Italia.

«I volontari delle piazze continuano a stupirci con il loro impegno e la loro creatività che sta giungendo in maniera capillare a tutti, coinvolgendo personalità e media locali», racconta Nicoletta Rastelli, responsabile dell’evento. «Questa forma di partecipazione alla costruzione del Meeting sarà una delle modalità con cui i volontari e chiunque desideri unirsi a noi parteciperà alla special edition Meeting 2020».

Quest’anno le città coinvolte nella preparazione e diffusione dell’evento superano le 50, in tutte le 20 regioni italiane: Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Belluno, Bologna, Borgomanero, Brescia, Cagliari, Casale Monferrato, Catania, Cernusco sul Naviglio, Cesena, Chiavari, Cremona, Firenze, Forlì, Gallarate, Genova, Gessate, Guglionesi, La Spezia, Lucca, Luino, Magenta, Massa, Melzo, Milano, Monte San Savino, Monza, Napoli, Oderzo, Padova, Pavia, Perugia, Pesaro, Piacenza, Pisa, Potenza, Ravenna, Riccione, Rimini, Roma, Salerno, San Donà di Piave, San Severino Marche, Senigallia, Torino, Trento, Udine, Varese, Viareggio. Sul sito meetthemeeting.org si trova l’elenco sempre aggiornato con i recapiti dei referenti locali.

Dal sito meetthemeeting.org è possibile fare donazioni per sostenere la realizzazione dell’evento: a fronte di una donazione si può ricevere a casa una bottiglia di ottimo Sangiovese. Il vino, come il Meeting, è gusto, storia, qualità, incontro, amicizia, allegria... e arriva al cuore di tutti.

L’evento del 23 maggio è preceduto da quattro “Assaggi di Meeting”, brevi video che illustrano aspetti dell’evento. Gli Assaggi sono diffusi in questi giorni via e-mail e social media e si possono vedere anche sulla pagina Facebook Centro Culturale Alberto Gai, insieme ai video in cui personaggi locali invitano alla manifestazione.

Chi vuole partecipare o trovare maggiori informazioni può accedere al sito meetthemeeting.org oltre che ai social e al sito della manifestazione www.meetingrimini.org

Ricerca in corso...