"La mano del Santo": si presenta il nuovo libro di Paolo Ponga

Mercoledì 8 dicembre l’autore sarà presente a partire dalle 10 alla Mondadori di Casale Monferrato (via Roma 36C)

CASALE MONFERRATO

Paolo Ponga è un giornalista monferrino che si occupa prevalentemente di viaggi, storia, subacquea e ambiente. Suoi articoli sono apparsi online e in cartaceo su oltre 30 riviste a tiratura nazionale.

Dopo il successo del suo primo romanzo Il Cilindro di Giada, una storia del mistero, thriller, di amore e di morte, nella quale il protagonista viaggia per tutta Europa alla ricerca della propria salvezza e della soluzione ad un mistero antico di migliaia di anni, ha appena pubblicato la sua seconda opera di narrativa.

Il titolo enigmatico di questo romanzo, pubblicato da Yume Edizioni di Torino, è La Mano del Santo. Si tratta di un romanzo storico che narra di due vicende parallele ambientate in Europa Centrale tra l’anno Mille e la Germania nazista. Anche in questo caso all’ambientazione storica curata il più possibile, si sono aggiunte note del mistero, d’avventura e thriller. I protagonisti delle due storie che si intrecciano a quasi mille anni di distanza non potrebbero essere più diversi. Il primo è un cavaliere sassone, il secondo un uomo moderno, professore di storia medievale: entrambi però combatteranno contro nemici simili e l’ombra di un terrore rinnovato dopo molti secoli.

Questa è la quarta di copertina: Anno Mille, alba di una nuova era. Forze oscure si aggirano nelle foreste dell’Europa Centrale, uomini malvagi ed esseri che sembrano usciti dalla fantasia degli uomini del Medio Evo. Un cavaliere sassone si trova esattamente al centro del pericolo, e la sua sopravvivenza dipenderà dalla sua astuzia come dalla sua abilità guerresca. 1938, alba della Seconda Guerra Mondiale. Forze oscure si aggirano nell’Europa Centrale, questa volta con nere uniformi e svastiche, ma con il medesimo scopo: il dominio sugli uomini. Un professore di storia medievale dovrà combattere con la sua intelligenza contro nemici terribili. Perché il pericolo è il medesimo di mille anni prima, e gli uomini, nel bene o nel male, non cambiano mai: è la magia ad essere divenuta scienza.

Mercoledì 8 dicembre, festa dell’Immacolata, l’autore sarà presente a partire dalle 10 alla Mondadori di Casale Monferrato via Roma 36C per relazionarsi con il pubblico e firmare copie del suo libro.

 

Ricerca in corso...