'Il tuo riflesso': il primo romanzo di Francesco Pivetta

Un’avvincente testimonianza nata dal ritrovamento e dall’inedita pubblicazione di un diario di guerra redatto da un militare italiano deportato nel campo di prigionia di Neuengamme

CASALE MONFERRATO

È uscito da poco più di una settimana, edito per i tipi di Youcanprint.it, 'Il tuo riflesso', primo romanzo del giovane Francesco Pivetta, che i nostri lettori conoscono bene in quanto è anche collaboratore del nostro portale.

Si trattta di un’avvincente testimonianza offertaci dall’inaspettato e sorprendente ritrovamento, e dall’inedita pubblicazione, di un diario di guerra redatto da un militare italiano deportato nel campo di prigionia nazista di Neuengamme e un dialogo tra un Internato Militare Italiano (I.M.I.),miracolosamente sopravvissuto allo sterminio nazista, e suo nipote, in cui le atrocità e le barbarie commesse nei lager nazisti nei confronti dell’intera umanità vengono rappresentate attraverso l’utilizzo di un linguaggio metaforico: questi sono gli elementi caratterizzanti de 'Il tuo riflesso'.

Dopo settant’anni, nei quali il diario di guerra fu segretamente conservato, la scoperta di una narrazione storiografica così fluida e scorrevole ci permette di immedesimarci all’interno del quadro storico, sociale, culturale e politico del tempo, prendendo indirettamente parte al racconto, permeato di sentimenti individuali fusi con gli eventi storici narrati.

Questo libro si prefigge l’intento di divulgare alcune Pagine e Parole di Vita sperando che possano giungere all’interesse delle nuove generazioni, alle quali è affidata la difesa della libertà collettiva e della democrazia, affinché si possa definitivamente scongiurare la possibilità che, nel nome di un’ideologia errata si verifichino, ripresentandosi, catastrofici eventi e comportamenti inumani come quelli perpetrati dal Terzo Reich per sterminare, annientare e sopprimere innocenti.

Il primo progetto editoriale di Francesco Pivetta, giovane autore italiano di 18 anni, rivela al grande pubblico, attraverso una pubblicazione inedita, il diario di guerra di Giuseppe Pivetta, militare italiano deportato in seguito agli avvenimenti dell’8 settembre 1943 e internato nel campo di prigionia nazista di Neuengamme, un piccolo sobborgo a sud-est dalla città d’Amburgo. All’interno di questa struttura nella quale i tedeschi perpetrarono atroci e inumane barbarie Giuseppe Pivetta vi rimase fino al 1945. Oltre a questo capitolo vi è un capitolo biografico dettagliato che contestualizza la figura e il personaggio di Giuseppe Pivetta all’interno di un contesto sociale, culturale, politico, economico e storico. In chiusura, secondo decisione dell’autore, è riportato un intenso dialogo tra Giuseppe Pivetta e il suo piccolo nipote Andrea, nel quale Giuseppe in veste di nonno racconta le atrocità della guerra e del Lager nazista nel quale era stato internato, sviluppando la totalità di questo racconto fluido e scorrevole secondo l’utilizzo di un linguaggio metaforico e simbolico.

La prefazione del romanzo a cura di Don Mussie Zerai, Candidato Premio Nobel per la Pace 2015.

Sono previste anche numerosi incontro con l'autore, per presentare 'Il tuo riflesso'. Qui sotto il calendario completo dei primi appuntamenti.

Ricerca in corso...