"Crescere con la parola": incontro con don Giovanni Perini

Venerdì 1 ottobre, alle ore 21, presso l’Auditorium Sant’Antonio in via Leardi, nell'ambito di Cantiere Speranza

CASALE MONFERRATO

Il professor DonGiovanni Perini, Docente di Sacra Scrittura della Diocesi di Biella, ma anche ex direttore della Caritas locale e perciò esperto dei problemi delle vecchie e nuove povertà, è il relatore invitato da MonsignorLuciano Pacomio a dare inizio venerdì 1 ottobre 2021 ,alle ore 21, presso l’Auditorium Sant’Antonio in via Leardi a Casale Monferrato, alla terza fase di "Crescere con la Parola" l’ iniziativa di “Cantiere Speranza" che, mettendo al centro la lettura diretta e sapienziale della Parola di Dio, vuole essere a servizio della grande convocazione sinodale della chiesa italiana.

All'illustre cattedratico, dopo la magnifica lezione dei giorni scorsi tenuta dal professor Pagazzi, la consegna di illustrare la parte iniziale del sesto capitolo degli Atti degliApostoli, il testo che Papa Francesco ha allo stesso modo consegnato alla sua Diocesi per una lettura cursiva in vista del Sinodo.

Nel capitolo è presentata la scelta concreta, a seguito della grande crescita della Chiesa, di designare dei nuovi ministeri prendendo ispirazione da Gesù. Ormai si erano costituiti due gruppi: il primo formato dai cristiani di Gerusalemme, l'altro dai giudei della diaspora più aperto agli scambi col mondo pagano. Hanno due lingue diverse, l'aramaico e il greco, e tra i due gruppi sorgono subito incomprensioni.

La comunità affronta, però, il problema a partire dal caso concreto costituito dal fatto che ci si lamenta che vengano trascurate le vedove degli ellenisti. Dal conflitto quindi con la nomina di sette diaconi ellenisti si va nella direzione di una espansione e crescita del servizio della carità.

Questa, come hanno chiarito negli ultimi anni i biblisti non è l' istituzione del ministero deldiaconato, ma la descrizione del primo conflitto che si affronta nella comunità cristiana attestante la debolezza umana di ogni membro della chiesa. Ci si converte al cristianesimo continuando a seguire, in questo caso, le tradizioni giudaiche e settarie che contraddicevano apertamente il Vangelo di Gesù

E’ la difficoltà che rischia la Chiesa in ogni epoca e che spinge molti cristiani a pensarsi come una piccola cittadella assediata da nemici dell'ortodossia senza riuscire a distinguere tra coloro che forse nemici lo sono davvero e invece i molti uomini di buona volontà che ci interpellano nella loro differenza e nella ricchezza originale. Occorre, invece, avere fiducia nello Spirito Santo che toglie la muffa alla Chiesa e che non può mai essere sequestrato da pezzi di chiesa conto altri pezzi. Nessuno può volere la Chiesa frullato dove tutti sono simili e i dissidi si risolvono facendo finta di niente. I conflitti vanno invece affrontati e va detto ai credenti che essi in sè non costituiscono una minaccia, ma una palestra per allenarci tutti all'ascolto, alla pazienza ma anche alla individuazione di soluzioni. Rassegnarsi al conflitto è altrettanto discutibile che ignorarlo.

È questa la strada percorsa dagli Apostoli che convocano una riunione per discutere il problema e arrivare ad una soluzione concreta senza fare più da soli come avevano fatto prima. La crisi diventa, quindi, una opportunità per tutta la comunità che si espande nella diaconia.

Anche oggi gli uomini del nostro tempo preferiscono alle nostre parole quella parte straordinariamente efficace della Chiesa carità che sa accogliere gli ultimi e che ricorda il Cristo più di ogni altra modalità. Il Sinodo futuro della Chiesa italiana possa essere come l'esperienza che gli Atti degli Apostoli ci descrivono.

Il rischio, forse, è che più che il conflitto nella Chiesa di oggi prevalga un modo di essere individualistico e poco portato al lavoro di gruppo. Siamo scottati da certe logiche pastorali troppo assembleari o dal fallimento di consigli pastorali che non riuscivano a sortire processi concreti.

Abbiamo bisogno di ritornare a pensare la diaconia di Stefano, di Filippo come di persone che siano a servizio dei lontani rappresentando la punta avanzata della Chiesa di Cristo.

Si ricorda che precede ogni incontro la presentazione on-line di Don Samunele Battistella, responsabile della Diocesi per la formazione permanente.

Ricerca in corso...