Biblioteca Spina di Treville: riprende l'attività per l'anno 2022

L'8 gennaio è ricominciata l’attività legata al prestito librario che continuerà ad avere il seguente orario: ogni sabato mattina dalle 9.30 alle12

TREVILLE MONFERRATO

Dopo la pausa legata alle festività natalizie, sabato 8 gennaio la Biblioteca Comunale G. Spina di Treville ha ripreso l’attività legata al prestito librario che continuerà ad avere il seguente orario: ogni sabato mattina dalle 9.30 alle12.

Ritorna anche la raccolta punti dedicata a bambini e ragazzi da 6 a 13 anni “Treville&SeiLibri” che ha visto anche lo scorso dicembre la premiazione di una decina di giovanissimi lettori assidui frequentatori della biblioteca che hanno ricevuto, per aver completato le loro tessere punti, giochi da tavola, libri e dvd. L’accesso è consentito secondo regolamento vigente con green pass rafforzato oltre i 12 anni, ma al fine di permettere a tutti di usufruire del servizio di prestito librario la Biblioteca di Treville si rende disponibile a consegnare i volumi prescelti secondo modalità diverse da concordarsi a seconda dei casi.

L’elenco libri è consultabile sul sito del Comune di Treville (www.comune.treville.al.it – Vivere Treville – Biblioteca Comunale G. Spina – Biblioteca Treville – Elenco Libri Archiviati).

I titoli scelti sono prenotabili all’indirizzo bibliotecaspina@virgilio.it oppure al 3395415940 wa. Gusto e piacere per la lettura dunque non hanno confini e la ripresa dell’attività è occasione, per la Biblioteca di Treville, di suggerire ai suoi giovani lettori alcuni titoli.

Per i più piccoli ci piace proporre “Io gomitolo, tu filo” di Alberto Pellai (ediz. DeAgostini) in cui il medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva offre una storia semplice e fortemente simbolica del rapporto tra genitore e figlio uniti da un sottile filo di lana che si dipana man mano che il bambino cresce permettendo così al figlio di allontanarsi senza timori sapendo che esisterà sempre quel filo sottile di affetto. Sempre per i piccoli “Cane Nero” di Levi Pinfold (Terre di Mezzo Editore) che suggerisce di affrontare la paura perché questa si trasformi in qualcosa di semplice da gestire senza fingere che non esista e in questo i piccoli sono più bravi degli adulti.

“Un grande giorno di niente” di Beatrice Alemagna (ediz. Topipittori) trasforma una giornata sfortunata in cui un ragazzino perde il proprio videogioco con cui solitamente trascorre interminabili ore di ozio, in un giorno ricco di scoperte incredibili fatte di nulla, semplici gesti di un bambino che entra in contatto con la natura, momenti che neppure si possono raccontare ma che cambiano la persona e fanno assaporare il piacere di vivere come un videogioco non potrebbe mai fare.

Per i bambini dagli 8 anni proponiamo, in omaggio all’anno fenogliano (il 1° marzo 2022 cadono i centro anni dalla nascita dello scrittore partigiano),“La favola delle due galline” di Beppe Fenoglio (Ibis ediz) una storia scritta dal grande autore piemontese tra la fine del 1960 e l’inizio del 1961 per la propria figlioletta in cui si narra di due galline sorelle, l'impettita e arcigna Tuja e la molle e trasognata Chica, che vivono insieme in una piccola casetta di legno appesa a un fico selvatico, finché in una notte buia e tempestosa la malvagia Tuja caccia di casa la sorella. Al buio, sperduta nel bosco, con il lupo che l’aspetta al varco, come farà Chica a salvarsi? Ai più grandicelli (oltre i 10 anni) proponiamo “La formula segreta” di Sara Rottaro (Mondadori) che permette tra l’altro un bel percorso di approfondimento perché ispirato alla figura del geniale fisico italiano Ettore Majorana, allievo di Enrico Fermi che fu tra gli scienziati che lavorarono al progetto della bomba atomica. Majorana scomparse misteriosamente alla vigilia della seconda guerra mondiale, l’anno in cui vennero promulgate le leggi razziali e limitata la libertà d’opinione e di parola.

Quella del libro è una storia di avventura dei giorni nostri in cui una piccola spedizione familiare parte alla ricerca del fisico sparito nel nulla ma le cui tracce sembrano condurre in Sud America. E per chi ha superato i 13 anni Pierdomenico Baccalario ha infarcito una storia davvero ricca di riferimenti geografici e musicali che apre una finestra su un bagaglio culturale affascinante immerso nell’attualità sconcertante del primo lockdown in Inghilterra in cui un ragazzo fugge per rivedere il nonno in un paese bloccato e sospeso.

La campagna inglese è protagonista e con lei alcuni personaggi un po’ fatati e un po’ misteriosi: “Hoopdriver – Duecento miglia di libertà”. Invece inv invitiamo i bambini tra 6 e 10 anni a cimentarsi nella lettura delle poesie, semplici versi pronti per essere pensati, assorbiti e commentati anche con gli adulti per scoprire che nelle piccole cose si nascondono bellissime sensazioni: “Le felicità” di Roberto Piumini (Edizioni Gruppo Abele). A tutti buona lettura!

LO SCORSO 11 DICEMBRE LA PRESENTAZIONE DELL'ARMANACH AD TARVILLA 2022 E LA PREMIAZIONE DEI VINCITORI DEi CONCORSi “RACCONTI SPAVENTOSI PRIMA DI DORMIRE” E "TREVILLE E SEI LIBRI"

Sabato 11 dicembre il Salone Comunale di Casa Devasini ha ospitato la presentazione del nuovo Armanàch ad Tarvilla 2022, frutto delle attività della Biblioteca Comunale G. Spina di Treville che ogni anno si avvale della partecipazione dei suoi piccoli lettori che vengono coinvolti in laboratori di scrittura e di ricerca.

Protagonisti di questa edizione dell’Armanach sono stati, con le loro piccole ricerche dedicate agli animali della collina, Giorgia Spinoglio, Agnese Torre, Sara Guerrieri, Camilla Leporati, Andrea Soldera, Matilde Leporati, Daniele Antonioli, Gloria Capra, Matteo Beccaria, Giulia Spinoglio, Costa Carola, Sofia Pagliano e Razvan Josub. I ragazzi hanno ricevuto dalle mani della Sindaca Nadia Degiovanni la prima copia del calendario fresco di stampa sul quale sono inoltre pubblicate le 12 foto vincitrici del Concorso Fotografico Treville in Bianco e Nero (scatti di Oriana Acquisto, Stefania Tardani, Ermes Oppezzo, Lucia Mariani, Mattia Bodo, Alice Barbieri, Silvano Ghirardo, Maurizia Venesia, Maria Lucia Vietina, Francesca Gilardi, Paola Ferrara e Roberta Salaris). La copertina nasce invece da una fotografia di Jessica Nasari, terzo premio del Concorso Fotografico 2020 Treville dalla mia Finestra. Il calendario è corredato, come è tradizione, da una piccola raccolta di proverbi in vernacolo monferrino curati dal direttore della Biblioteca di Treville Paolo Testa.

La serata trevillese ha visto anche la partecipazione del gruppo di Mauro Bardella Brich e Foss che ha presentato una breve ma divertente raccolta di canti della nostra tradizione popolare dedicati agli animali, filo conduttore di tutta la presentazione.

Momento molto atteso dell’incontro è stata la premiazione del Concorso Letterario per Ragazzi Racconti Spaventosi prima di Dormire giunto alla 9° edizione al quale hanno partecipato 122 racconti. La sindaca Degiovanni ha premiato i giovani autori prescelti dalla giuria composta da rappresentanti della Biblioteca di Treville e del Circolo Culturale Piero Ravasenga di Casale, tutti molto emozionati. Il concorso è stato suddiviso in tre sezioni distinte per età ognuna della quali è stata oggetto di un metro di giudizio calibrato: per i piccoli è stata valutata con attenzione la propensione all’arguzia, alla burla pur nel contesto di un racconto di paura, quindi la capacità di sfatarla con una risata;.per i più grandicelli un certo peso l’ha avuto la capacità di scendere nella quotidianità, nella vita reale di tutti i giorni, utilizzando un racconto fantastico e di suspense per affrontare temi sociali e invitare alla speranza; negli adolescenti si è ricercato maggiormente il bagaglio di letture capace di affinare la tecnica di scrittura oltre alla fantasia.

E da ciò ne sono scaturiti i vincitori: per la sezione A 1° premio A Sofia Bracco di Frassinello, 2° posto Matilde Leporati di Ozzano, 3° premio Lucia Pellegrini di San Giorgio (segnalazioni a Isabella Falletto di Govone e a Razvan Josub di Treville, Premio speciale della Giuria a Andrea D’Ambrosio di Casale); per la sezione B 1° premio a Francesco Cervadoro di San Giorgio, 2° premio a Camilla Ansaldi di Solonghello, 3° premio ad Agata Spinoglio di Casale (segnalazioni a Martina Battagli di Ozzano, Francesca Caponigro di Casale, Giacomo Capra di Ozzano, Sofia Pagliano di Treville, Melissa Squarcina di Cerrina); per la sezione C 1° premio ad Andrea Soldera di Cella Monte, 2° premio a Cecilia Tiberga di Pontestura, 3° premio a Viola Ilengo di Serralunga di Crea (segnalazione per Letizia Quirino di San Giorgio). I racconti dei primi premi delle tre sezioni sono stati proposti da Rosella Mercuri. I vincitori hanno portato a casa diploma e libri.

La conclusione dell’incontro è stata riservata alla premiazione del Concorso Treville & Sei Libri, la raccolta punti che ogni anno premia i giovanissimi lettori della Biblioteca di Treville. Il titolo di Super Lettore 2021 è andato all’inossidabile Andrea Soldera di Cella Monte che anche quest’anno ha sbaragliato i concorrenti con i suoi 30 libri letti (ma che sappiamo essere molti di più per sue altre letture personali, il che avvalora la regola per cui chi ama i libri è anche un buon scrittore). La sindaca dispensatrice di doni quest’anno ha premiato i ragazzi con giochi da tavola, libri e dvd.

La serata si è chiusa con gli auguri a tutti i presenti con la lettura del racconto di Natale “Lo spirito del bosco” scritto dal direttore Paolo Testa.

Ricerca in corso...