A Rosignano s'inaugura il deposito museale 'Monferrato Doc'

Domenica 2 ottobre il taglio del nastro. La sera prima spettacolo dedicato a Cesare Pavese

ROSIGNANO MONFERRATO

Sarà inaugurato domenica 2 ottobre, presso la chiesa di Sant'Antonio, a Rosignano Monferrato, 'Monferrato Doc', il deposito museale del centro di ricerca sulla Doc, che sarà visitabile nelle giornate di apertura degli infernot come da calendario dell’EcoMuseo o previa prenotazione sul sito www.museodoc.it.

La sera prima, sabato 1 ottobre, al Teatro Ideal, ci sarà lo spettacolo 'Vigneti d'autore: Cesare Pavese', con l'esibizione di Elisa Zeppa al pianoforte.

Lo spettacolo trae spunto dal ritrovamento – avvenuto nel 2000 – di due lettere inedite autografe di Cesare Pavese, scritte a poche settimane dalla morte, e si snoda attraverso la lettura di testi scelti, tratti dalle opere dello scrittore che fanno riferimento al mondo del vino, ai paesaggi monferrini e langaroli, alle sue tradizioni, accompagnate da immagini e fotografie. La narrazione è intervallata da una selezione delle opere maggiori di Erik Satie.

Un vero e proprio racconto dell’amore viscerale dello scrittore Cesare Pavese per le sue colline e il mondo arcaico e contadino che gli gravita attorno.

Gli eventi, sotto il Patrocinio del Comune di Rosignano Monferrato, sono inseriti all’interno della XXI edizione di Vendemmia in Arte.

LA MOSTRA

Nella Chiesa di Sant'Antonio di Rosignano Monferrato il visitatore troverà quindi una serie di pannelli che si riferiscono alla storia del vino dalle sue origini, i cui testi sono stati curati dall’indimenticabile Riccardo Coppo (a lui ed a Paolo Desana è dedicata l’intera Mostra),seguiti da un’altra serie di pannelli e foto relativi alla storia della Doc (testi di Andrea Desana e realizzazione di Loris Barbano),dalle premesse che partono da metà Ottocento culminate poi nella citata legge del 1963, alla realizzazione delle carte di identità delle Doc italiane ovvero i cosiddetti “Disciplinari di produzione” sino ai giorni nostri, con tre bacheche ricche di libri e documenti sull’argomento.

Il tutto, nell’ambito di un progetto di allestimento studiato come le precedenti mostre dall'architetto Emi Ganora, arricchito dalla presenza di macchinari ed attrezzature relative alla vigna ed alla cantina, come detto forniti e preparati da Gianni Ganora oltre alla presenza di una vasta oggettistica vitivinicola d’epoca messi a disposizione dall’azienda agrituristica “La Pomera” di Vignale Monferrato.

C’è poi la parte del pic–nic ideata e realizzata ma Massimo Biglia a ricordare le più significative tradizioni del nostro Monferrato contadino: da qui vengono proiettate su un ampio schermo spettacolari immagini e filmati del passato e del presente che si intrecciano tra loro, dove dal bianco e nero di ieri si passa ai colori di oggi attraverso cui il visitatore, lo studioso o il semplice appassionato potrà gettare una sguardo sullo straordinario patrimonio monferrino.

Dopo l’inaugurazione la mostra, che fungerà da deposito museale del Centro di ricerca sulla Doc, sarà visibile nelle giornate di apertura degli infernot – come da calendario dell’EcoMuseo della Pietra da Cantone – o previa prenotazione – sul sito www.museodoc.it

PROSSIMI PROGETTI

Il Comitato, a partire dalla Doc, prerogativa germogliata a livello nazionale proprio sul territorio monferrino per designare un prodotto di qualità rintracciabile geograficamente e poi evoluto in un vero e proprio aggettivo qualificativo della lingua italiana ad indicare stile e classe inimitabile, dopo le recenti prestigiose presenze al Vinitaly di Verona ed al Salone del Libro di Torino e la sottoscrizione di significativi protocolli di intesa con le più importanti associazioni e biblioteche, ha come obbiettivi la promozione e la conservazione del patrimonio storico, letterario, etnografico legato alla storia ed alla cultura della Doc e del vino e la contemporanea realizzazione di un Centro di Documentazione Permanente, ovvero un luogo inteso come una struttura viva, moderna, interattiva, multimediale, creativa, aperta e giovane dove poter sviluppare e realizzare laboratori, eventi culturali, festival, rassegne, progetti didattici e formativi.

Redazione On Line
Ricerca in corso...