Prima di portarlo in carcere la polizia trova chi si prende cura dei suoi 40 pitbull

Curiosa vicenda per un 41enne cittadino senegalese a cui sono stati revocati gli arresti domiciliari

CASALE MONFERRATO

Prima di accompagnarlo in carcere la polizia si è assicurata che una persona di fiducia e qualificata si prendesse cura dei suoi quaranta pitbull ospitati nella sua abitazione, in cui scontava già gli arresti domiciliari.

Nei giorni scorsi, infatti, gli agenti del commissariato di Casale Monferrato hanno arrestato C.M.S., cittadino senegalese di 41 anni, già sottoposto alla detenzione domiciliare, in esecuzione dell’ordinanza di aggravamento emessa dal magistrato di sorveglianza di Vercelli.

Il provvedimento si era reso necessario poiché recentemente l'uomo, a causa di dissidi con la ex compagna, con la quale mantiene contatti costanti per il figlio minore, aveva posto in atto comportamenti incompatibili con il beneficio dei domiciliari. Per tale motivo il magistrato ha deciso per la misura di aggravamento.

Gli agenti che si sono recati nella sua abitazione, già a conoscenza della presenza di circa 40 cani di razza pitbull, hanno cercato personale qualificato per assistere gli animali durante l’assenza del proprietario, senza doverli portare altrove.

Una volta affidati gli animali a persone di fiducia, hanno accompagnato il 41enne senegalese presso la casa circondariale di Vercelli, dove verrà trattenuto in attesa di determinazioni da parte del Tribunale di Sorveglianza di Torino.

(A destra: immagine di reportorio)

Ricerca in corso...