La scomparsa di Giovanni Avonto, storico presidente della Fondazione Nocentini e dirigente Cisl

Aveva 84 anni ed era originario di Villanova Monferrato

SALERANO CANAVESE

Si è spento questa sera, venerdì 14 febbraio, all’età di 84 anni, all’Hospice di Salerano Canavese, Giovanni Avonto, già Presidente della Fondazione Nocentini e storico dirigente Fim e Cisl di Torino e Piemonte.

Nato a Villanova Monferrato, in provincia di Alessandria,  dopo la laurea in ingegneria, Giovanni Avonto entra all’Olivetti di Ivrea e partecipa all’ultima fase dell’esperienza iniziata da Adriano Olivetti.

Nei primi anni ‘70 inizia il suo impegno nella Fim Cisl torinese e nazionale e nel 1973 viene chiamato da Cesare Delpiano nella segreteria della Cisl torinese.

Dopo qualche anno entra nella segreteria regionale Cisl, a fianco di Mario Manfredda, per diventarne generale negli anni Ottanta. Guiderà la Cisl regionale nel periodo caldo dell’accordo di San Valentino del 1984 e del successivo referendum sulla scala mobile.

In seguito diventa segretario generale Fim Piemonte, incarico che lascia nel 1996 quando va in pensione e assume la presidenza della Fondazione Vera Nocentini. Ruolo che ricoprirà fino al 2014, rimanendo fino a oggi nel Consiglio di amministrazione. Avonto è stato anche il primo presidente dell’Ismel da cui nato il Polo del Novecento. La Fondazione Nocentini e tutta la Cisl si stringono intorno alla moglie Paola in questo momento di dolore.

Ricerca in corso...