Collare elettrico al proprio cane: denunciato

Una brutta storia di maltrattamento ai danni di un animale scoperta dai carabinieri di Occimiano

OCCIMIANO -

I carabinieri della stazione di Occimiano, nella serata dello scorso 9 marzo, a Borgo San Martino, hanno recuperato, con l’ausilio del servizio di accalappiacani, un cane di razza pointer inglese di circa quattro anni.

Al collo dell’animale, che era in stato di evidente stress, era posizionato un collare elettrico che aveva già provocato profonde ferite (foto in alto) in corrispondenza degli elettrodi; riscontrato lo stato di stress psicofisico dell’animale e la presenza del collare elettrico (assolutamente vietato sia nella fase di addestramento che in ogni altra fase del rapporto uomo – cane – foto a sinistra),l’animale – sottoposto a sequestro unitamente al collare – è stato affidato alle cure di un canile locale.

Eseguiti gli opportuni accertamenti, i carabinieri sono risaliti al proprietario dell’animale, un pensionato della zona, a carico del quale, nella mattinata del 15 marzo è stata eseguita la perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire e sequestrare due telecomandi di collari elettrici.

Nel contesto dell’operazione, è stato inoltre riscontrato che il pensionato, regolare detentore di carabina, la custodiva all’interno della propria automobile, parcheggiata sulla pubblica via, e quindi anche l'arma veniva sequestrata.

Sono state infine accertate, a cura del personale dell’Asl veterinaria intervenuto unitamente ai carabinieri, alcune violazioni riferite allo spazio destinato alla custodia degli animali (ritenuto troppo esiguo) e relative all’igiene.

Per il pensionato è scattata la denuncia in stato di libertà per “abbandono di animali (nel quale articolo di legge rientra in modo specifico l’utilizzo di collare elettrico – ndr) e porto abusivo di armi”.

 

 

Ricerca in corso...