Una delegazione Afeva alla manifestazione nazionale dei sindacati sull'amianto

Un presidio questa mattina di Cgil, Cisl, Uil davanti al ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico. Al termine i segretari confederali ricevuti dal sottosegretario Claudio Durigon

ROMA

(La delegazione Afeva con il prossimo segretario della Cgil Maurizio Landini)

Questa mattina, giovedì 8 novembre, una delegazione dell'Afeva ha partecipato alla manifestazione nazionale indetta dai sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per porre all'attenzione del ministro Luigi Di Maio diverse questioni rigurdanti l'amianto.

In particolare i sindacati chiedono, nell'ambito della Legge di Bilancio: la riapertura dei termini per la presentazione delle domande ai fini previdenziali; la riforma del Fondo Vittime Amianto; la rivalutazione dell'assegno alle Vittime Amianto non professionali da 5.600 a 12.000 euro; il riconoscimento Inail di tutte le malattie professionali da amianto; le risorse economiche per le bonifiche a partire dalle scuole; finanziamento delle strutture sanitarie per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica, la cura, i centri specialistici e la ricerca clinica per le terapie efficaci dei mesotelioma.

“Bisogna accelerare decisamente la bonifica per interrompere una strage continua, che può regredire solo garantendo un'effettiva bonifica dell’amianto negli ambienti di vita e di lavoro dei cittadini e dei lavoratori”, spiegano in una nota unitaria i segretari confederali Maurizio Landini (Cgil),Angelo Colombini (Cisl) e Silvana Roseto (Uil).

Per i tre esponenti sindacali occorre “garantire la giustizia previdenziale ai lavoratori esposti all’amianto, che hanno un’aspettativa di vita più bassa rispetto alla generalità dei lavoratori, superando una frastagliata e contraddittoria legislazione”. Landini, Colombini e Roseto rimarcano anche la necessità di “risarcire dignitosamente le vittime innocenti di questa strage silenziosa, sull’esempio del modello francese di sicurezza sociale”.

Al termine del presidio una delegazione sindacale – guidata dai segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil Maurizio Landini, Angelo Colombini e Silvana Roseto – è stata ricevuta al ministero del Lavoro dal sottosegretario Claudio Durigon.

Ricerca in corso...