'Un mondo senza amianto': la speciale t-shirt della Cb Team

Realizzata in collaborazione con l'Afeva, sarà indossata dai giocatori prima di ogni partita. Martedì pomeriggio la presentazione dell'iniziativa

CASALE MONFERRATO

(Da sinistra: Mirko Oliaro, Corrado Callegari, Giuliana Busto e Nicola Pondrano)

Una maglietta con la scritta 'Un mondo senza amianto' che sarà indossata da tutte le squadre (prima squadra e giovanili) della Cb Team – glorioso club di basket cittadino – prima di tutte le partite dei rispettivi campionati.

La meritevole iniziativa è stata presentata oggi pomeriggio, martedì 8 ottobre, presso la sede dell'Afeva (che collabora al progetto),nei locali che ospitano la Cgil. Presenti anche rappresentanti di Junior Basket, Pgs Ardor, Junior Atletica, Na Ka Ryu e Avis: non è escluso pertanto che, in futuro, l'iniziativa venga estesa anche ad altri club sportivi cittadini.

(Atleti, tecnici e dirigenti delle società sportive presenti)

“Un messaggio chiaro: vogliamo un mondo senza amianto” esordisce subito la presidente di Afeva Giuliana Busto.

“Un messaggio di speranza”, aggiunge il general manager di Cb Team Corrado Callegari (foto in basso),che ha voluto ricordare alcune figure legate sia alla Cb Team che alla lotta all'amianto, come l'indimenticato 'Pica', Pier Carlo Busto, grande sportivo e una delle prime vittime della fibra killer pur non avendo mai lavorato all'Eternit e come gli ultimi due presidenti di Afeva: Romana Blasotti Pavesi, una cui figlia (purtroppo scomparsa anche lei per amianto) fu giocatrice della Cb Team, e il compianto presidente della Lega delle Società Sportive Beppe Manfredi.

Anche il presidente Cb Team Ivano Vitale conosce bene il dramma amianto: i suoi genitori lavorararono all'Eternit e, in particolare, la scomparsa della madre Ginetta, avvenuta nel 1978, contribuì molto a sviluppare la presa di coscienza del mondo operaio verso la nocività di quanto veniva lavorato lì dentro. Lo ricorda Nicola Pondrano (foto in alto) che sottolinea inoltre l'impegno sociale che va avani da decenni.

Infine Bruno Pesce (foto in alto) ricorda come si sta per raggiungere il tanto temuto 'picco' delle morti per amianti e di come fuori provincia non ci sia ancora sensibilità sul tema: “Vedrete che in certi palazzetti vi chiedereanno cosa significa quella scritta”, dice rivolto ai giovani cestisti.

E Mirko Oliaro (Cgil - Foto in alto) ribadisce come la lotta all'amianto “sia uscita da tempo dalla fabbrica e riguardi tutta la città”.

(Da sinistra: Mirko Oliaro, Corrado Callegari, Giuliana Busto, Nicola Pondrano e Bruno Pesce)

Ricerca in corso...