Torchio d'oro: ecco gli 87 vini vincitori del concorso enologico

Quest’anno sono stati presentati ben 140 (18,60% in più rispetto ai campioni presentati nel 2017) vini in rappresentanza di 33 aziende del territorio

CASALE MONFERRATO

Martedì 22 maggio all’Istituto Luparia di San Martino di Rosignano si sono tenute le degustazioni del concorso enologico Torchio d’Oro, giunto nel 2018 alla sua ventiseiesima edizione.

Ad organizzare la competizione che vede i vini del Monferrato Casalese protagonisti è l’assessorato all’Agricoltura del Comune di Casale Monferrato in collaborazione con lo stesso istituto agrario.

La gestione del concorso è demandata ad un apposito Comitato Organizzatore il cui regolamento è approvato dal Ministero delle Risorse Agricole ed ha come obbiettivo fondamentale “il miglioramento qualitativo della viticoltura e della vinificazione e la valorizzazione dei vini migliori, favorendone la conoscenza, l’apprezzamento e la contrattazione”.

Quest’anno sono stati presentati ben 140 (18,60% in più rispetto ai campioni presentati nel 2017) vini in rappresentanza di 33 aziende del territorio.

Le commissioni composte da enologi, enotecnici ed esperti del settore, unitamente ai rappresentati delle organizzazioni sindacali agricole, hanno valutato come vincitori 87 vini (elenco in fondo all'articolo e in allegato).

Alle aziende partecipanti al Concorso sono stati, come tradizione, attribuiti punteggi prioritari per poter partecipare con uno stand di vendita alla Festa del Vino del Monferrato di settembre.

Commenta il vice sindaco e assessore all’agricoltura Angelo Di Cosmo: «Il Torchio d’Oro è una manifestazione importante per il nostro territorio, che cresce e di cui apprezziamo anno dopo anno le novità, i miglioramenti e gli sforzi dei viticoltori che con sacrificio, impegno, competenza e passione garantiscono sempre di più la qualità dei vini delle nostre zone. Varietà e qualità sono infatti caratteristiche fondamentali per competere nei mercati nazionali ed esteri. Mi auspico che la promozione del vino possa fungere anche da motore trainante per lo sviluppo e il successo di altre attività economiche quali la ricettività, il turismo in genere e la promozione di altri prodotti tipici del nostro territorio. Ringrazio i numerosi viticoltori partecipanti al concorso, i componenti del Comitato, gli enologi che con serietà hanno selezionato i campioni di vini e non per ultimi gli studenti ed i docenti dell’Istituto Luparia di San martino di Rosignano per la proficua disponibilità e collaborazione».

È attualmente in fase di definizione e organizzazione la cerimonia di premiazione dei vini vincitori.

Ricerca in corso...