'Quando l'azzurro si tinge di rosa' alla Canottieri

Giovedì 13 febbraio, alle 19, si presenta il libro di Alessandro Alciato dedicato alle storie della Nazionale Femminile di Calcio

CASALE MONFERRATO

Francia 2019. Mondiali femminili di calcio. Lo spartiacque. L’anno zero nel luogo zero. L’inizio di una nuova era. Per il calcio femminile italiano ha rappresentato un clamoroso passo in avanti per l’intero movimento che, fino a quel momento, veniva considerato come qualcosa di folkloristico, e poco di più.

Il giornalista di Sky Sport e autore del libro, Alessandro Alciato proverà a spiegarlo giovedì 13 febbraio, nella sede sociale della Canottieri Casale, alle ore 19, presentando il suo ultimo libro, edito da Baldini + Castoldi, ‘Non pettinavamo mica le bambole. Le meravigliose storie delle ragazze della nazionale’.

Insieme a lui, durante l’evento ‘Quando l’Azzurro si tinge di rosa’ ci saranno Domenico Marocchino, ala di Juve e Samp, vincitore di due scudetti in maglia bianconera, oggi è casalese d’adozione e opinionista televisivo, Giulia Gabba, tennista e maestra del club di Viale Lungo Po Gramsci, capitana in A1 femminile, monferrina più brava nel circuito Wta, Silvia Gabba, poliedrica atleta capace di eccellere come play/guardia nel basket, come nel tennis e nel calcio, e la pallavolista Linda Giordana, schiacciatrice e ‘bandiera’ della Junior Volley.

L’evento si svolge in collaborazione con la Libreria Coppo. Ingresso libero. 

Le storie del libro.«Una ragazza non può giocare a pallone», era il pensiero comune. Durante l’infanzia se lo sono sentito ripetere molte calciatrici dell’Italia, anche dai propri genitori. Sognatrici che dovevano combattere fra le mura di casa, costrette a sentirsi attaccate nel luogo meno atteso, dalle persone in teoria più vicine.

Nessuna di loro ha mollato. Erano bambine che raccontavano bugie, pur di potersi allenare. Valentina Bergamaschi ha rischiato di perdere un polmone. Laura Giuliani, il portiere titolare, si è dovuta trasferire in Germania per giocare. E prima di allenarsi, ogni mattina, si alzava alle tre, per lavorare in una panetteria, perché il calcio femminile prevede stipendi nemmeno lontanamente all’altezza di quelli dei colleghi maschi. Valentina Giacinti staccava la testa alle bambole, pur di avere un pallone. Stefania Tarenzi a 16 anni correva ancora in bicicletta. A Elena Linari nessuno ha regalato nulla, gioca e vince con l’Atletico Madrid, intanto le piacerebbe che in Italia la sua omosessualità non fosse vissuta come un motivo di imbarazzo.

I Mondiali hanno rappresentato un salto in alto – senza precedenti – a livello di cultura sportiva. L’inizio di una bellissima storia, con 23 protagoniste in campo e una in panchina.

Ricerca in corso...