La festa di San Giacomo a Giarole

Le iniziative sono state organizzate al Castello grazie alla collaborazione e ospitalità della famiglia Sannazzaro.

GIAROLE

Domenica scorsa, 26 luglio, il Comune di Giarole, ha festeggiato il Santo Patrono San Giacomo, con un paio di iniziative che hanno coinvolto la comunità, non riuscendo organizzare, per i limiti imposti dalle normative anti COVID-19, la consueta tre giorni di festa culinaria e danzante organizzata dalla Pro Loco, che culminava con il famosissimo lancio dell’uovo.

Le iniziative sono state organizzate entrambe al Castello grazie alla collaborazione e ospitalità della famiglia Sannazzaro.

Al mattino, il conte Giose Sannazzaro Natta, ha “aperto” gli archivi alla visita, tra storia e curiosità, dei documenti riguardanti i cognomi storici di Giarole. Una visita guidata a gruppi di massimo 12 persone a prenotazione.

Nel pomeriggio poi, alle 17, nel bellissimo parco del Castello, ha avuto luogo uno spettacolo per bambini e famiglie, con i Clown “Rimorchio” e “CircOPS”, che hanno allietato i presenti con gags, bolle di sapone, magie comiche e lancio di coltelli.  

Nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, il numero di posti è stato contingentato e regolato all’ingresso, con l’obbligo dell’uso di mascherine e disinfezione delle mani.

Un ringraziamento particolare alla CRI che con alcuni volontari, hanno coadiuvato l’attività di sorveglianza sanitaria e di primo soccorso.

Ricerca in corso...