La commemorazione dei Caduti a Mombello e frazioni

Le celebrazioni davanti ai sei monumenti dedicati ai giovani che hanno perso la vita nei due conflitti mondiali

MOMBELLO MONFERRATO

Sabato scorso è stata una giornata intensa dedicata alla celebrazione dei caduti di tutte le guerre nel comune di Mombello. Sul territorio del comune infatti sono presenti ben sei monumenti dedicati ai giovani che hanno perso la vita nei due conflitti mondiali. La giornata, organizzata dal gruppo alpini di Mombello/Zenevreto in collaborazione con l’amministrazione comunale, ha preso il via sabato mattina alle ore 9 in frazione Zenevreto, è proseguita in frazione Ilengo per poi arrivare al capoluogo Mombello.

Davanti ad ognuno dei monumenti è stata deposta una corona di alloro, mentre i giovani delle scuole hanno recitato le preghiere dedicate ai caduti. A seguire il discorso del sindaco Maria Rosa Dughera: “Quest’anno commemoriamo il centenario della fine della prima guerra mondiale che ebbe inizio nel 1914, nel 1917 subimmo la famosa sconfitta di Caporetto e nel 1918 il conflitto si concluse con la vittoria dell’esercito italiano sulle truppe austriache con porto all’annessione di Trento e Trieste. L’Italia oggi non è in guerra ma ha nuove battaglie da combattere: la disoccupazione, la paura del futuro, la mancanza di prospettive. La giornata di oggi ha quindi il significato di non dimenticare, per questo è importante conoscere la storia per capire il presente e organizzare il futuro”.

Nel pomeriggio le celebrazioni sono proseguite con inizio alle ore 14 in frazione Morsingo, poi in frazione Pozzengo dove il parroco don Claudy’s Larose ha dato la benedizione al monumento ed a tutti i presenti. La giornata si è quindi conclusa nella frazione Casalino dove è stata celebrata la messa dal parroco don Armand, al termine della quale c’è stato il saluto ai caduti ed a seguire il gruppo dei partecipanti si è trasferito nel locale circolo Ancol per un gradevole momento conviviale. 

Ricerca in corso...