Comincia IT.A.CA: tre giorni di turismo responsabile in Monferrato

Dal 20 al 22 ottobre l'unica tappa piemontese del festival che abbraccia l'area collinare fra il Casalese e l'Astigiano. Gli ultimi aggiornamenti sul programma di domenica a Casale Monferrato

CASALE MONFERRATO

Tre giorni nei quali parlare di turismo responsabile e immergersi in esperienze emozionali. Dal 20 al 22 ottobre IT.A.CA’ Migranti e Viaggiatori, il Festival del Turismo Responsabile effettua la sua unica tappa piemontese in Monferrato abbracciando l’area collinare fra il Casalese e l’Astigiano con momenti di riflessioni, mostre, convegni e spettacoli, senza dimenticare la scoperta di un’area recentemente premiata da flussi crescenti di visite grazie alla ricca mescolanza fra arte, enogastronomia e natura.

Turismo responsabile rappresenta, secondo i promotori Max Biglia e Irene Deambrogio (che hanno incassato la collaborazione della Confraternita degli Stolti e di numerosi partner istituzionali, operatori culturali e turistici del territorio) un’occasione “per riflettere sui diritti e rovesci del viaggio, vicino e lontano da casa”. Per tale ragione i temi di approfondimento saranno tanti e seguire il festival diventerà un modo per fare formazione ma anche per viaggiare sul territorio monferrino.

L’apertura di venerdì 20 ottobre è affidata al borgo nord astigiano di Portacomaro, dove la Bottega del Grignolino ospiterà un pomeriggio ricco di momenti. Dalle 15 si parlerà di colture biologiche e di Grignolino, il vino simbolo del territorio, per continuare con le emozioni della cerca del tartufo al chiaro di luna e con la possibilità di conoscere in diretta vini biologici naturali presso la locale Casa dell’Artista.

Sabato 21 ottobre ci si sposta nel moncalvese e precisamente fra Ponzano Monferrato e il vicino Santuario di Crea dove, nella sede firmata Unesco del Parco del Sacro Monte di Crea, vi saranno interventi sull’ambiente, il territorio e il turismo dolce. Il pomeriggio sarà assai pratico e all’insegna delle tradizioni: a Mombello Monferrato, nella verde conca della Valcerrina, si terrà una camminata naturalistica che celebrerà l’antico rito della “Curmà”, il gustoso e conviviale ritrovo che è solito ristorare i vendemmiatori dopo le fatiche della vendemmia. Un’opportunità di scoperta dei paesaggi monferrini ma anche di testare la merenda sinoira improntata sulla storica tradizione della Curmà, il tutto con un tocco teatrale e scenico.

Il Castello dei Paleologi, nel cuore della città di Casale Monferrato, farà da scenario per la giornata finale di domenica 22 ottobre. Dopo un inizio “su due ruote”, grazie alla pedalata che porterà sulle rive del Po, fra collina e pianura, alcuni incontri porteranno il pubblico a conoscere progetti artistici sostenibili fra vigne e risaie ma consentiranno di incontrare i giovani produttori vitivinicoli, conoscere l’autentica “dispensa monferrina”, curiosare fra le soluzioni architettoniche per l’ecoturismo e, prima di cedere alle tentazioni della “Merenda del Contadino”, chiacchierare con la scrittrice Fioly Bocca.

Gran finale al teatro Municipale di Casale Monferrato, in serata, con “Sconfinando”, spettacolo dall’eloquente titolo, che porterà azioni teatrali e canzoni di e con Giorgio Conte e Alessandro Nidi.

Perché il festival arriva proprio in Monferrato?

"Semplice – risponde Max Biglia –! Perché credo siano questi i giusti luoghi e il giusto tempo dove poter imbastire opportunità, valori e nuove consapevolezze. Incontrarsi, conoscersi e raccontarsi in maniera semplice, così com'è il Monferrato; territorio di pianura, colline, fatiche e inimitabile bellezza. Il nostro territorio, ospita scenari naturalistici che si fondono, caratterizzando un luogo che può vantare una grande varietà paesaggistica e culturale. Noi abbiamo l'arduo compito e la responsabilità di tramandare e innovare il vissuto dei nostri padri e di quelle genti che hanno popolato queste terre, noi, quali portatori del loro pensiero, dei loro desideri, delle loro cure e del loro sapere, per vivere nel presente un momento di serenità in Monferrato!"

 

IL PROGRAMMA

VENERDI' 20 OTTOBRE 2017 (DALLE 15 ALLE 23) PORTACOMARO (AT) – 'OSVALDO; TERRA, VINO E CULTURA' PRESSO LA CASA DELL’ARTISTA

  • ore 15 “Coordinamento delle Città del Bio";

  • ore 16,30 "La Valorizzazione delle filiere produttive agricole: l'esperienza dei biodistretti" Focus: "C'era una volta il mare" il Biodistretto del Monferrato, terra di vini e fossili;

  • ore 18,30 Merenda Sinoira "Il Grignolino incontra il Bio" con la Bottega del Grignolino e con l'Associazione Gente&Paesi onlus - Animazioni musicale con Dj FAX;

  • ore 20 "Cerca del Tartufo, emozioni al chiaro di luna”;

  • dalle ore 15 fino a sera i produttori dell’Unione Vignaioli Artigiani del Monferrato presentano “Osvaldo” con degustazione e vendita di vini Biologici Naturali.

SABATO 21 OTTOBRE 2017 (DALLE 9 ALLE 19) SERRALUNGA DI CREA (AL) – SACRO MONTE – MOMBELLO MONFERRATO (AL)

  • ore 09,30 Convegno e dibattito "l’Officina dei Sensi": la Salute in Comune; l’Ambiente in Comune; la Cultura in Comune; un Paese e un Territorio in Comune; “Noi in Monferrato”, progetto promosso dall'Associazione "Paolo Ferraris" in collaborazione con le “Scuole Insieme” e il Gruppo STAT, con Assunta Prato; “Un esempio di turismo dolce” percorso turistico a sfondo letterario/artistico presentato dagli studenti dell’Istituto Leardi di Casale M.to con la prof.ssa Giuliana Boschi; “Turismo e Territorio”, con Sebastiano Venneri, responsabile di Legambiente Turismo; “L'Italia migliore che lotta per la legalità e l'ambiente”; presentazione del “Premio Luisa Minazzi“ ambientalista dell’anno 2017, promosso da Legambiente e La Nuova Ecologia, con Vittorio Giordano; Premiazione del Concorso Fotografico "sottosopra" con Aregai.

  • dalle ore 14 Coltivare la Tradizione - Mombello Monferrato (AL): Camminata Naturalistica attraverso un itinerario che celebra “l’antica tradizione del ritrovarsi dopo la vendemmia” la Curmà; con il Collettivo Teatrale, per autentici momenti di festa! “Merenda Sinoira della Curmà”.

DOMENICA 22 OTTOBRE 2017 (DALLE 9 ALLE 23) CASALE MONFERRATO (AL) – CASTELLO DEI PALEOLOGI - TEATRO MUNICIPALE

  • ore 9 “Pedaluma a PO” ritrovo e partenza, su due ruote tra colline e risaie intorno al grande Fiume

  • dalle ore 10 alle 21: mostra-fiera “Buono è Bello”: saranno presenti le seguenti realtà produttrici di Grignolino, Gavi e Dolcetto: Consorzio Colline del Monferrato Casalese (recentemente costituito, presieduto da Domenico Ravizza e che include 77 produttori del territorio, da anni impegnati nella promozione del grignolino),UVA (Collettiva Unione Vignaioli Artigiani del Monferrato coordinati da Maurizio Ferraro),Consorzio Tutela Ovada Docg (presieduto da Italo Danielli, che raggruppa oltre 30 aziende produttrici principalmente di dolcetto) e l’Azienda Agricola Biodinamica Giordano Lombardo di Gavi.In continuità con quanto già sperimentato in passato con l’iniziativa Stupujtime, si potranno degustare i vini, divisi per aree produttive (in corrispondenza dei rispettivi vitigni). I fruitori sceglieranno se acquistare un calice da tre degustazioni al prezzo di 5 euro o uno da dieci degustazioni al prezzo di 10 euro.

  • dalle 10 alle 19 “la Dispensa” prodotti e tipicità monferrine da portare a casa: sarà possibile conoscere, acquistare e assaggiare diversi prodotti gastronomici locali, dai salumi ai formaggi fino ai prodotti agricoli tra i quali Salumeria Miglietta, Azienda Agricola La Capra Regina, Azienda Agricola Marco Grigioni, Azienda Agricola Roberto Brusa, La Strada del Riso, Azienda Agricola Orticoltura e anche i prodotti agricoli di Piovà di Massaia.

  • dalle 10 alle 19 apertura della mostra "Monferrato: soluzioni architettoniche per l’EcoTurismo"

  • ore 15.30 “Etico, Estetico, Ecologico: arte, cultura e architettura nel paesaggio produttivo” Convegno dedicato a progetti artistici sostenibili tra vigne e risaie sul territorio piemontese con relatori Andrea Cerrato (Un Monferrato di bellezza: Orme su La Court e altre storie),Paolo Baretta e Lidia Carbonetti di Rocco di Carpeneto (oltre che produttori vitivinicoli anche titolari dell’eco bio agriturismo “La Bella Vite”, con realizzati alcuni progetti dell’architetto Paolo Scoglio, protagonista della mostra Architetture per l’Ecoturismo in Monferrato),Piero Rondolino di Acquerello (produttore di riso coltivato nei dintorni della storica tenuta La Colombara, sede anche del Museo della Tenuta Torrone della Colombara, dedicato alla storia rurale di una produzione attiva da cinquecento anni),Silvano Stella (per la chiesa di David Tremlett e il Castello di Coazzolo) e Sergio Noberini per il Museo Luzzati.

  • ore 17.30 “Un luogo a cui tornare” colloquio con la scrittrice Fioly Bocca;

Nel corso della giornata "Laboratori per bambini da 0 a 99 anni"

  • "Solcando il Monferrato" lavorare la Pietra da Cantone del Monferrato e il cotto antico; taglio, incisione, intarsio. Ore 11 (ripetibile nel pomeriggio) costo euro 5,00 a cura di Gianmaria Sabatini

  • “Riciclo” dopo una breve lettura, costruiremo un manufatto con materiale di riciclo; a cura di Remix Alessandria. Ore 15 (ripetibile)

  • “Tutti i colori del cibo” costo euro 5,00 a cura di MAcA Museo A come Ambiente di Torino. Ore 16,00

Ancora, saranno presenti con i loro stand l’Istituto Superiore Leardi e il Liceo Balbo, Legambiente, Libera, il Parco del Po, Il Picchio e, inoltre, verrà illustrata la possibilità di effettuare l’easy rafting sul fiume e di utilizzare biciclette a pedalata assistita.

E per concludere...

  • ore 21 Teatro Municipale – Casale Monferrato “SCONFINANDO” spettacolo di Teatro - Canzone di e con Giorgio Conte e Alessandro Nidi

 

 

Ricerca in corso...