In tanti a ricordare 'Pica' Pier Carlo Busto e le altre vittime dell'amianto

Un centinaio gli atleti partecipanti. Marco Pizzocaro vince fra gli uomini, Maria Rita Torino fra le donne, Avis Biocorrendo primo fra i gruppi

CASALE MONFERRATO

Almeno un centinaio di atleti ha partecipato ieri pomeriggio alla prima edizione di 'Io corro per Pica', gara non competiva per ricordare Pier Carlo Busto – appassionato podista e giovanissima (scomparve ad appena 33 anni) vittima del mesotelioma, senza aver mai lavorato all'Eternit – e le altre vittime dell'amianto.

L'evento – con partenza dalla pista ciclabile per poi dirigersi verso la diga, ritorno verso il Parco Eternot e conclusione al circolo lavoratori Ronzonesi – è stato organizzato dal gruppo podistico Avis con il patrocinio del Comune di Casale Monferrato, Monferrato 2017 – European Community of Sport, Afeva, Avis e Albero di Valentina.

Queste la classifiche. Fra gli uomini vince Marco Pizzocaro, secondo Gianluca Chiesa, terzo Francesco Torino.

Fra le donne vince Maria Rita Torino, seconda Marita Cairo, terza Dora Leo. Sono stati assegnati premi anche a Luisa Doro (quarta),Gloria Ghilardi (quinta),Arianna Imarisio (sesta),Angela Castello (settima) e Stefania Di Pietro (ottava).

Fra i gruppi, primo Avis Biocorrendo, secondo il Cai, terzi gli Alpini.

Un momento particolarmente commovente è stata la consegna del primo intitolato a Paolo Cardettini (ex consigliere comunale di Fratelli d'Italia e Alpini),anche lui prematuramente scomparso, consegnato dalla moglie Gledi Gjeli a Franco Roccella, il concorrente più lontano, giunto da Genova.

E, un altro momento carico di emozione, è stata la proiezione del video 'Argini', seguita da una lettura di testi a cura di Silvia Barruscotto, Danilo Grasso e Simona Spinoglio dedicata a Pica.

Sicuramente, per essere la prima edizione, una bella iniziativa che sarà probabilmente riproposta l'anno prossimo.

Ricerca in corso...