Il week end di It.a.cà. Monferrato

Dall'8 al 10 ottobre il Festival del Turismo Responsabile fa tappa sul territorio con un ricco calendario di eventi, rivolti ad un pubblico eterogeneo e di tutte le età

CASALE MONFERRATO

Torna la tappa Monferrato dell’evento nazionale Festival IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori www.festivalitaca.net. Nella seconda settimana di ottobre - da venerdì 8 a domenica 10 – in Piemonte, nel cuore del Monferrato, tra le colline punteggiate da romantici borghi circondati da boschi, campi coltivati, tartufaie e vigneti, dove la mano dell'uomo incontra la natura tessendo prodigiosi disegni, torna la tappa del primo evento in Europa dedicato al turismo responsabile. Un territorio che si raccoglie intorno alla città di Casale Monferrato e che è culla di storia, tradizioni, cultura ed enogastronomia. Qui si possono ammirare ben due siti Unesco: il Monferrato degli Infernot inserito tra i Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato e il Sacro Monte di Crea che fa parte dei Sacri Monti di Piemonte e Lombardia.

IT.A.CÀ MONFERRATO

IT.A.CÀ MONFERRATO, alla sua quinta edizione, è la tappa del Festival che anima il territorio delle colline casalesi, proponendo nelle giornate di venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 ottobre eventi e momenti di approfondimento ispirati al Diritto di respirare. IT.A.CÀ Monferrato indaga questo tema esplorando e valorizzando le caratteristiche del territorio come presupposti per sviluppare un turismo responsabile che mette al centro etica e ambiente.

Cuori pulsanti di questa nuova edizione di IT.A.CÀ Monferrato sono il bosco, che in Monferrato riveste importanza fondamentale e contraddistingue il paesaggio conferendogli unicità nella geometria che scaturisce dall'incontro con vigneti e campi coltivati; l'archeologia industriale, testimonianza della grande epopea industriale vissuta nel Casalese e che vede, accanto alla presenza di siti museali, moltissimi resti che punteggiano il territorio conferendogli grande fascino (non a caso, nel 2019 la nota band dei Måneskin, recenti trionfatori al festival di Sanremo e all'Eurovision, ha scelto di chiudere il videoclip di “Le parole lontane” con l'immagine dello stabilimento Milanese e Azzi di Ozzano Monferrato); il fiume Po, polmone e cardine dove si incontrano alessandrino e vercellese, un luogo dall'alto valore naturalistico rientrante tra le aree protette del Parco del Po piemontese, che riunisce sotto una gestione unica il tratto subalpino del fiume più importante d’Italia.

Partecipare al festival significa entrare nel vivo di un territorio che ha molto da offrire e che vuole condividerlo con attività improntate alla partecipazione, alla condivisione e al dialogo. Il calendario degli eventi prevede gli incontri del “Giardino delle parole”, che si terranno a Casale Monferrato, all'Ecomuseo della Pietra da Cantoni di Cella Monte e nel Castello di San Giorgio Monferrato e che vedranno esperti e sognatori confrontarsi e costruire il futuro del territorio; appuntamenti lungo il Po, per conoscerlo e viverlo da vicino con escursioni sull'acqua, camminate e riscoperta dei progetti di recupero delle attività fluviali; escursioni, più o meno impegnative, dall'ultratrail sul “Sentiero dei castelli bruciati”, cento chilometri per scoprire paesaggio e patrimonio culturale attraversando 11 comuni della Valcerrina, al trekking lungo il “Sentiero del Trenino dei Minatori” che portava la marna dalle cave andando da Casale Monferrato fino a Coniolo; spettacoli dal vivo; momenti per conoscere meglio l'ottima enogastronomia locale; la pedalata “Bimbimbici”, rivolta a tutti ed all'insegna dell'inclusività, inserita nel calendario nazionale dell'associazione FIAB e che vedrà anche la collaborazione di REMOOVE, realtà per la mobilità e il turismo inclusivi.

Tutti gli eventi sono organizzati nel rispetto della normativa anti Covid-19.

Domenica 3 ottobre si è intanto tenuta l'anteprima della tappa con “La cultura è un popolo che respira!”, incontro del Giardino delle parole a cura della Confraternita degli Stolti presso l'Ecomuseo della Pietra da Cantoni a Cella Monte (AL). Durante l'evento, molto partecipato e condotto da Max Biglia con le incursioni musicali di Enrico Ottone, Manuel Leccese e Mario Saldì, è stato presentato il libro “Una storia lunga un’Eternit” (Casa Editrice Etica) della giornalista Giulia Di Leo, classe 1995, originaria di Casale Monferrato. Il libro, nato dal percorso dell'autrice al master in giornalismo dell’Università Cattolica di Milano e dall’esigenza di parlare della città in cui è cresciuta per dare risalto alla sua storia di sofferenza e resilienza, è una indagine che parte dal passato per arrivare al futuro analizzando i risultati positivi di una lotta lunga più di quarant’anni, un libro che parla di numeri, di storie e di persone, protagoniste ognuna in modo diverso della stessa vicenda.

Nel corso del pomeriggio sono inoltre stati consegnati gli attestati di merito “Mi&Ti”, riconoscimento per la cultura del fare, insieme, con qualità e responsabilità.

Sempre nel fine settimana si è tenuta nei giardini e nei boschi delle dimore storiche dei Castelli di San Giorgio e di Camino la terza edizione di “Pennelli pellegrini - sketching in Monferrato, un grand tour tra dame e faggi rossi”, a cura dell’Associazione Il Picchio in collaborazione con il Festival Cuneo Vualà. L'evento, che rientra nel calendario degli eventi collaterali di IT.A.CÀ MONFERRATO, ha visto partecipanti da tutto il Piemonte e dalla Svizzera che hanno lavorato due giorni accanto al carnettista e illustratore naturalista Lorenzo Dotti e all'illustratrice scientifica e docente presso il Liceo Artistico “Alciati” di Vercelli Monica Falcone.

Il Festival IT.A.CÀ MONFERRATO è promosso ed organizzato da associazione culturale Il Picchio, Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese, Collettivo Teatrale, associazione APEA, Confraternita degli Stolti, in collaborazione con IT.A.CÀ - Migranti e Viaggiatori Festival del Turismo Responsabile, con Arpa Piemonte e con Fiab Monferrato. IT.A.CÀ MONFERRATO vede inoltre il patrocinio della Città di Casale Monferrato e di ALEXALA - Agenzia Turistica Locale di Alessandria e Monferrato, la collaborazione di numerosi enti, realtà associative, aziende del territorio ed il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. 

«IT.A.CÀ – Migranti e Viaggiatori torna in Monferrato per il quinto anno consecutivo, con un ricco calendario di appuntamenti dedicati al “Diritto di Respirare” - dicono gli organizzatori della tappa monferrina -. Una scelta, quella del tema-guida dell'edizione nazionale 2021, per ricordare a tutti noi quante scelte fondamentali e quante possibilità di futuro si celino dietro e dentro un atto involontario come il respiro, così naturale, quotidiano e imprescindibile. Questo si accompagna ad una riflessione dal basso sullo sviluppo turistico che vogliamo per le nostre aree interne, che con il loro patrimonio enogastronomico, naturale, culturale, coniugato ad un accoglienza attenta e qualificata, facciano da un lato sentire il turista un abitante, anche se solo temporaneamente, e dall'altro facciano sentire gli abitanti come turisti a casa propria, facendo loro riscoprire la bellezza che li circonda con la consapevolezza che preservarla è un diritto e dovere di tutti. Un turismo esperienziale che può attrarre chi cerca valore e rapporti veri.

Dopo i tanti appuntamenti off che da maggio a settembre si sono svolti e si svolgeranno su tutto il territorio, grazie alla collaborazione di tante persone, associazioni ed enti, il Festival entrerà quindi nel vivo ad ottobre dandoci l'opportunità di incontrarci e “respirare” insieme».

«Turismo, cultura e paesaggio. Gli ingredienti che hanno reso il Festival IT.A.CÀ MONFERRATO un apprezzato appuntamento del nostro territorio – dicono il sindaco della Città di Casale Monferrato Federico Riboldi e il vicesindaco Emanuele Capra –, sono anche gli obiettivi su cui stiamo investendo per restituire il giusto peso e la giusta autorevolezza a Casale e al GranMonferrato. È per questo motivo che la quinta edizione del Festival ha visto una stretta collaborazione del Comune con gli organizzatori, portando a una serie di iniziative condivise che sapranno sicuramente coinvolgere il sempre attento pubblico su alcune particolari tematiche, come ad esempio l’importante patrimonio cittadino legato al cemento. L’augurio, quindi, è che l’edizione 2021, che vedrà Casale Monferrato ampiamente protagonista, possa essere quella della ripartenza, nella speranza di tornare quanto prima a vivere appieno e senza restrizioni momenti di incontro, come il Festival IT.A.CÀ MONFERRATO».

«Per l’Ente-Parco – afferma il presidente dell'Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese Roberto Saini – questa collaborazione è molto importante, data la particolare attualità del tema e la sua vicinanza a quelle che sono le finalità istitutive dell’Ente. Il rapporto dell’uomo con la natura vicino a casa, il rispetto e la conservazione degli habitat naturali sono da sempre al centro delle attività e dei progetti promossi dal nostro Ente, come ad esempio quello denominato “Foresta condivisa del Po piemontese”. Poter usufruire della cosiddetta foresta di vicinato, del bosco e dell’area verde naturale vicino a casa o comunque raggiungibile con mezzi lenti e rispettosi dell’ambiente, è uno degli obiettivi che ci siamo prefissati per ilprossimo futuro. Il nostro contributo al Festival si concretizza con l’organizzazione e la promozione di eventi che mirano ad accompagnare la cittadinanza verso il pieno godimento dei boschi vicini, quali luoghi simbolo del tema dell’edizione di quest’anno. Le nostre proposte si inseriscono dunque in un importante contenitore come IT.A.CÀ, mettendoci in connessione con altre realtà nazionali su un argomento strategico per tutti, quale è il turismo responsabile».

Il programma aggiornato è disponibile su Facebook nel gruppo pubblico Tappa IT.A.CÀ Monferrato | Festival del Turismo Responsabile al link https://www.facebook.com/groups/1100661103794769/ e su https://www.festivalitaca.net/portfolio-articoli/it-a-ca-monferrato/

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Pier 345.0034982 – Ramona 349.2578944 monferrato@festivalitaca.net

Ricerca in corso...