Il sostegno del territorio alla Scuola dell'Unione Europea di Mineralogia

Il 23 maggio la presentazione al 'Sobrero' del progetto a cui hanno aderito, oltre alle amministrazioni, anche Ufim, Afeva, Rotary, Rotaract, Monferrato Oltre e Lions Club

CASALE MONFERRATO

È con estremo piacere che gli organizzatori della Scuola dell’Unione Europea di Mineralogia, dottor Ruggero Vigliaturo e professor Alessandro F. Gualtieri, comunicano che la scuola internazionale ha riscontrato pieno sostegno da parte delle amministrazioni territoriali per portare realizzare questa importante iniziativa.

“Abbiamo deciso di portare la scuola nel Monferrato e, in particolare, nella Città di Casale, simbolo della lotta contro l’amianto, consapevoli dell’impegno congiunto che i cittadini, il Comune e le Amministrazioni hanno profuso nel corso degli anni. Vogliamo provare a scrivere insieme un futuro migliore, viste le molteplici popolazioni ancora esposte in tutto il mondo e le necessità specifiche nel nostro territorio” sostiene Ruggero Vigliaturo, che continua “amianto è un termine prettamente industriale, ma moltissimi minerali hanno i suoi stessi effetti e dobbiamo quindi portare attenzione a queste tematiche per tutelare la salute di tutti”.

Proprio in quest’ottica la scuola avrà un momento d’incontro curato dalla dottoressa Daniela Degiovanni in cui cittadini, studenti, medici e ricercatori, potranno sedersi allo stesso tavolo e discutere del problema amianto, di cosa si è fatto e cosa si può fare nel presente e nel futuro prossimo.

“Per questo motivo, come organizzatori, siamo estremamente grati che l’Unità Funzionale Interaziendale Mesotelioma (Ufim) si sia unita alla nostra iniziativa, poiché per quanto la scienza sia il cardine di questa scuola, credo che sedersi con un cittadino, con un malato e discutere sia fondamentale per i ricercatori che lottano per risolvere questo problema ed, in generale, per i cittadini e le loro famiglie, per sentirsi meno soli e meglio accompagnati”.

Oltre all’appoggio delle amministrazioni e dell’Ufim, anche Afeva, Rotary, Rotaract, Monferrato Oltre ed il Lions Club di Casale Monferrato ed altre associazioni sosterranno la scuola internazionale: una vera prospettiva a 360° gradi.

“Vogliamo che Casale diventi per l’occasione ‘il centro del mondo'! Spero che, a breve, anche la Regione Piemonte possa unirsi alla nostra iniziativa di respiro internazionale e che questo possa essere un modo per assicurare a tutti di essere sempre informati su quello che sta succedendo nella comunità scientifica, per cercare di tradurlo il più velocemente possibile in atti concreti per i cittadini”, conclude Vigliaturo.

Dopo la già annunciata presentazione pubblica a Trino, il 23 maggio si terrà a Casale Monferrato presso l’Istituto 'Sobrero' una prima conferenza stampa articolata, durante la quale verrà illustrato l’evento di settembre nei dettagli.

Redazione On Line
Ricerca in corso...