Il progetto 'Blu di Prussia' del 'Sobrero' premiato in Olanda

Una delegazione dell'istituto ha partecipato alla RM@schools International Science Fair presso il centro di ricerca Wetsus di Leeuwarden nei Paesi Bassi

CASALE MONFERRATO

La RM@Schools è un consorzio europeo che ha lo scopo di elaborare un piano strategico per incrementare l’immagine della scienza e della tecnologia nelle scuole superiori del continente, in modo da promuovere il valore delle materie prime e incoraggiare carriere scientifiche nel settore.

In relazione a questo obiettivo, il Miur – Ministero per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca – ha selezionato, per l’Italia, una serie di scuole aventi particolari predisposizione alla ricerca scientifica: si richiedeva agli studenti, attraverso esperimenti in laboratorio, la realizzazione di kit sperimentali da promuovere, per rendere più efficace l’apprendimento di alcuni argomenti come i raw materials.

Nell’ambito del progetto internazionale Eit (European Institute of Innovation and Technology),che collega scuole superiori e centri di ricerca europei per sviluppare prodotti e servizi innovativi, l’istituto 'Sobrero', grazie alla partnership con il Cnr – Ist, di Milano, ha partecipato alla RM@schools International Science Fair presso il centro di ricerca Wetsus di Leeuwarden in Olanda.

Il team del 'Sobrero', costituito dai docenti Federica Borasi e Daniela Sigaudo con la collaborazione di Elisabetta Gaita, e dagli studenti Nicolò Angeleri, Cristina Caprioglio, Gabriele Merlo, Stella Piccone, Matteo Poncina e Andrea Zeppa, ha presentato il progetto 'Prussian blue: let’s make recycling blue', un metodo di recupero delle materie prime basato sull’utilizzo del Blu di Prussia.

Tale materiale era stato oggetto di un precedente studio con messa a punto della sua sintesi, grazie alla collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale (Dott. Fabio Carniato e Dott.ssa Chiara Bisio).

Il progetto casalese, insieme ad altri lavori presentati da studenti provenienti da tutta Europa, è stato giudicato da quattro esperti, ricercatori del centro Wetsus, i quali hanno dato il primo premio al gruppo di studenti del 'Sobrero', grazie alle competenze dimostrate, alla creatività e capacità critica.

Infine, anche il CNR di Bologna, capofila del progetto, ha plaudito alla professionalità degli studenti apprezzandone le abilità comunicative e le competenze scientifiche.

 

 

Ricerca in corso...